rivista

È morto Mauro Bronchi, era la brunetta delle sorelle Bandiera


È morto Mauro Bronchi, era la brunetta delle sorelle Bandiera

E’ morto a Spoleto, la sua città, Mauro Bronchi, che interpretava la brunetta nel trio delle Sorelle bandiera protagoniste dell’Altra domenica di Renzo Arbore.

La loro presenza all’epoca fu al centro di polemiche perché era la prima volta che tre uomini travestiti da donna apparivano in tv, ma la sigla finale del programma cult, Fatti più in là, uscita su 45 giri, fu un successo.

Il gruppo era composto dal messicano Tito LeDuc, sostituito nel 1990 da Franco Caracciolo, l’australiano Neil Hansen, e Mauro Bronchi. Il trio incise anche alcuni dischi e partecipò, insieme alll’allegra compagnia dell’Altra domenica, al film Il pap’occhio (1980) di Renzo Arbore.

Cordoglio per la scomparsa di Bronchi è stato espresso dal sindaco spoletino Umberto de Augustinis e dall’assessore alla cultura Ada Urbani. “Indimenticato ‘sorella bandiera‘ – lo ha definito il sindaco in una nota – ma, soprattutto, nato a Spoleto e coi primi passi della sua arte mossi nel Festival. Un attore che ha dedicato la propria vita a far divertire il suo pubblico con rara simpatia e comunicatività”. (ANSA).

Redazione

Marisa Laurito: “I talent li fanno quelli che non sanno fare niente”.


marisa-laurito-620x356

Marisa Laurito, farà parte del cast di Ballando con le Stelle in onda da Sabato 4 ottobre su Rai1 e condotto da Milly Carlucci. Ebbene l’artista napoletana in una recente  intervista a #Blogo sostiene che i talent li fanno quelli che non sanno fare niente.

Questa la domanda a cui segue la relativa risposta….

D:Alcuni considerano Ballando un talent show. È la prima volta che le chiedono di partecipare ad un programma di questo genere?

R: Mi hanno chiamata per la qualunque. Per fare qualunque cosa di tutti i talent (La Laurito evidentemente estende il significato di talent fino ai reality, Ndr) che esistono: opinionista per il Grande Fratello, La Talpa, L’Isola dei famosi. Ho sempre rifiutato tutto perché ritengo che non siano la mia natura. Io sono un’artista, so fare spettacolo. I talent li fanno quelli che non sanno fare niente. Ballando è un talent molto relativo; qui bisogna saper apprendere un andamento artistico, cioè bisogna imparare a ballare. Chissà se ci riusciremo mai…

Siete d’ accordo con la simpatica attrice, conduttrice, soubrette, cantante e ora, si presume, provetta ballerina anche nell’ottica che confonda i talent con i reality come “paventato” dall’intervistatore?