roma

CS_Asian Film Festival: il programma completo (17-23 giugno, Farnese Arthouse, Roma)


Testo alternativo

Giappone, Corea del Sud, Cina, Filippine, Hong Kong, Taiwan, Indonesia, Malesia, Thailandia, Vietnam e Singapore saranno gli 11 Paesi coinvolti nella diciottesima edizione dell’Asian Film Festival, la manifestazione organizzata da Cineforum Robert Bresson e diretta da Antonio Termenini in programma dal 17 al 23 giugno al Farnese Arthouse di Roma (piazza Campo de’ Fiori 56). Il ricco calendario, che prevede quattro proiezioni quotidiane, comprende 28 lungometraggi e 2 cortometraggi con 5 anteprime internazionali, 6 anteprime europee e numerose anteprime italiane. Un’iniziativa che rivolge in particolare il proprio sguardo agli esordi e ai “Newcomers”, i giovani registi più promettenti.

Provengono dal Giappone il film di apertura, “Wife of a Spy” di Kiyoshi Kurosawa, già vincitore del Leone d’Argento all’ultimo festival di Venezia e altre pellicole stranianti, divertenti e pieni di contaminazioni, come “Dancing Mary” di Sabu, “Red Post on Escher Street” di Sion Sono e il più autoriale “Under the Stars” di Tatsushi Ohmori.

Tra gli eventi speciali, avrà luogo la seconda edizione del Korean Day, una intera giornata – sabato 19 giugno –  dedicata al cinema sudcoreano in cui saranno presentati 4 lungometraggi e un cortometraggio, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Coreano di Roma.  Lo sguardo impertinente e autoriale dell’Hong Sang-soo di “The Woman Who Ran” si alternerà alla commedia sentimentale amara “Our Joyful Summer Days”, allo sguardo sulle tradizioni delle pescatrici dell’isola di Jeju in “Everglow”, fino al noir al femminile di “Go Back”, della regista indipendente Seo Eun-young.

Altro evento speciale, in collaborazione con l’Ambasciata del Vietnam in Italia è il Vietnam Day, che vedrà presentare il 22 giugno 4 lungometraggi in anteprima assoluta: si passa dagli straordinari successi, ancora nelle sale in Vietnam, di “Dad I’m Sorry”, commedia generazionale, e “Blood Moon Party”, nuovo inaspettato remake di “Perfetti sconosciuti”, all’affascinante “Rom” e l’horror “Home Sweet Home”. L’iniziativa porta a compimento una fruttuosa collaborazione con il Vietnam, dopo la promozione di cinema italiano a Hanoi e Ho Chi Minh City tenutasi lo scorso anno in collaborazione con l’Ambasciata italiana a Hanoi e il consolato a Ho Chi Minh City.

Dalla Cina, verranno poi presentati una serie di opere significative, quali le spiazzanti e abbacinanti “The Waste Land” e “Sons of Happiness”, firmate da registi esordienti ma dallo sguardo maturo, forte e riconoscibile, e “Mosaic Portratit”, inteso ritratto di un’adolescente vittima di un abuso.

Altri temi che percorrono in filigrana il festival sono i difficili e complessi rapporti familiari sviscerati nel cinese “Grey Fish”, in “Leaving Hom e” da Singapore, nel malese “Sometime, Sometime”, in “Malu” di Edmund Yeo e nel filippino “Tangpuan”; il senso di perdita dovuto a problemi economici (“Repossession”); lo sviluppo sostenibile e i cambiamenti climatici dell’omnibus che attraversa cinque paesi “Mekong 2030”, seguendo il corso del fiume Mekong.

Completano il programma “Genus Pan” del maestro filippino Lav Diaz e l’anteprima europea dell’hongkonghese “Stoma”, film quasi-biografico sul fotografo e regista prematuramente scomparso Julian Lee.

IL PROGRAMMA

Giovedì 17 giugno

Ore 15:30 – Tagpuan 

(McArthur C. Alejandre, Filippine, 2020, 107’) 

IN CONCORSO

Durante un viaggio di lavoro a Hong Kong, Alan incontra una misteriosa ragazza che gli cambia la vita. Una riflessione amara su alienazione, immigrazione, spaesamento.

Ore 17:30 – Leaving Home

(Tan Siang Yu, Singapore, 2021, 72’)

NEWCOMERS

Benny scappa di casa senza ragione apparente. Per la sua famiglia è l’inizio di un incubo. Per trovarlo, Daniel e Michelle devono cercare ovunque, anche nei loro cuori.

Ore 19:30 – Grey Fish

(He Sheng, Cina, 2020, 79’) 

NEWCOMERS

Chen Xun sogna una strana ragazza. Al risveglio, è ammaliato dai ricordi della sua gioventù. Un film onirico e tormentato sul ricordo e, forse, l’amore.

Ore 21:00 – Wife of a Spy 

(Kiyoshi Kurosawa, Giappone, 2020, 115′) 

IN CONCORSO

Il nuovo, potente film di Kiyoshi Kurosawa, premiato alla Mostra del cinema di Venezia per la miglior regia, mette a nudo quanto si è disposti a rischiare per difendere i propri valori nel Giappone militarista degli anni ’40.

Venerdì 18 giugno

Ore 15:30 – Ton-kaka-ton 

(Teppei Kohira, Giappone, 2020, 99’) 

NEWCOMERS

Un adolescente solitario e taciturno e suo zio, allegro e con tanta voglia di vivere, non potrebbero essere più diversi. Sarà un evento inaspettato ad avvicinarli.

Ore 17:15 – Repossession 

(Ming Siu Goh e Scott C. Hillyard, Singapore, 2019, 96’) 

NEWCOMERS

Jim viene licenziato. Ma a Singapore lo status è tutto. Aggrappato al suo passato di successo, Jim risveglia una forza maligna che si insinua progressivamente nella sua vita.

Ore 19:00 – Balloon 

(Pema Tseden, Cina/Tibet, 2019, 102’) 

IN CONCORSO

Nella steppa tibetana, Darje e Drolkar vivono una vita serena con i loro tre figli. Un incidente con alcuni preservativi trasformati in palloncini scatena una singolare riflessione spirituale – tra buddismo, realtà quotidiana e armonia familiare.

Ore 21:00 – Red Post on Escher Street 

(Sion Sono, Giappone, 2020, 148’) 

IN CONCORSO

Tanti personaggi diversi, accomunati solo dal sogno di recitare; un giovane e brillante regista; un provino. L’imprevedibile Sion Sono offre uno scatenato, delicato ed entusiasmante omaggio al cinema.

Sabato 19 giugno – 

| | | KOREAN DAY | | |

Ore 15:30 – Everglow  

(So Joon-moon, Corea del Sud, 2020, 95’) 

IN CONCORSO

Un racconto agrodolce sulle “haenyeo”, letteralmente “donne di mare”, una comunità di tuffatrici e pescatrici dell’isola di Jeju, diventata patrimonio immateriale dell’umanità Unesco nel 2016.

Ore 17:15 – Our Joyful Summer Days 

(Lee Yu-bin, Corea del Sud, 2020, 114’) 

NEWCOMERS

La relazione tra due giovani è in crisi. Per cercare di riparare, lui organizza un viaggio. Vivisezione impietosa dei sentimenti che espone fragilità e complessità emotiva dei due protagonisti.

Ore 19:15 – Go Back

(Seo Eun-young, Corea del Sud, 2020, 99’) 

IN CONCORSO

Il rapimento di una bambina e la strana richiesta di riscatto che ne consegue innescano una serie di dubbi nella vita di una giovane poliziotta. Un insinuante noir al femminile.

Ore 21:00 – The Woman Who Ran

(Hong Sang-soo, Corea del Sud, 2020, 77’) 

FUORI CONCORSO

Il nuovo film di Hong Sang-soo, premio per la miglior regia al festival di Berlino, è uno spaccato di vita tutto al femminile. Una ragazza incontra delle sue vecchie amiche, tra chiacchiere, ricordi e pettegolezzi. Precede la proiezione il cortometraggio Mother Flower (Corea del Sud, 2019, 16’)

Domenica 20 giugno

Ore 14:30 – Mosaic Portrait 

(Zhai Yixiang, Cina, 2019,108’) 

IN CONCORSO

La vita di una quattordicenne è stravolta da una gravidanza, mentre i familiari indagano per scoprire chi è il padre. Un ritratto sincero e atipico di un’adolescente alla ricerca della propria identità.

Ore 16:30 – Under the Stars

(Tatsushi Omori, Giappone, 2020, 110’) 

IN CONCORSO

Un’adolescente è cresciuta con dei genitori fervidi credenti da quando un’acqua miracolosa l’ha apparentemente salvata da un eczema incurabile. Una riflessione inedita e stralunata sui culti religiosi e l’umana necessità di credere.

Ore 18:45 – The Waste Land

(Wang Meng, Cina, 2021, 130’) 

IN CONCORSO

In uno sperduto villaggio della profonda Cina rurale, un giovane in cerca d’amore rischia di perdere la ragione. Un esordio fulminante che indaga i luoghi oscuri di solitudine e pressione sociale.

Ore 21:00 – Genus Pan 

(Lav Diaz, Filippine, 2020, 156’) 

FUORI CONCORSO

Il nuovo film di Lav Diaz è una favola nera allegorica su tre minatori che per tornare a casa devono attraversare la foresta dell’Isola di Hugaw, svelandone la corruzione e mostrando la natura animalesca dell’uomo.

Lunedì 21 giugno

Ore 16:30 – Sometime, Sometime 

(Jacky Yeap, Malesia, 2020, 107’) 

NEWCOMERS

Un giovane che vive con la madre teme che la donna lo abbandoni, in favore del suo nuovo fidanzato. Per non perderla, decide di iniziare a imitare il comportamento degli adulti.

Ore 18:30 – Stoma

(Kit Hung, Hong Kong, 2020, 108’) 

IN CONCORSO

Un fotografo omosessuale hongkonghese ha una vita eccitante e spensierata, fino a quando non gli viene diagnosticata una rara forma di tumore. Ispirato alla storia del fotografo e regista Julian Lee.

Ore 20:30 – Dancing Mary 

(Sabu, Giappone, 2019, 105’) 

IN CONCORSO

Lo scatenato Sabu torna a occuparsi di non morti dopo “Miss Zombie”, con esiti tragicomici. Una sala da ballo prossima alla demolizione è infestata dai fantasmi. Un funzionario accetta di occuparsene, con l’aiuto di una giovane medium.

Ore 22:30 – Malu 

(Edmund Yeo, Giappone/Malesia, 2020, 112’) 

IN CONCORSO

Edmund Yeo, vincitore di Asian Film Festival 2018 con “Aqerat”, torna con il poetico racconto del ricongiungimento tra due sorelle, legate solo dal loro tragico passato.

Redazione

CS_Asian Film Festival: dal 17 al 23 giugno la 18esima edizione (Roma, Cinema Farnese)


Testo alternativo

Asian Film Festival: la 18a edizione si svolgerà a Roma

dal 17 a 23 giugno 2021 al Cinema Farnese

Torna la vetrina sul miglior cinema d’autore dei paesi dell’Estremo Oriente. Una manifestazione che, insieme a proiezioni di film inediti, ha organizzato in passato anche numerose retrospettive dedicate ai maestri e invitato ospiti di gala. Quest’anno un’edizione in sicurezza con molte novità e due giornate-evento speciali dedicate alla Corea e al Vietnam.

La diciottesima edizione di Asian Film Festival presenterà 28 lungometraggi e 2 cortometraggi provenienti da 11 paesi dell’Estremo Oriente (Giappone, Corea del Sud, Cina, Filippine, Hong Kong, Taiwan, Indonesia, Malesia, Thailandia, Vietnam e Singapore), con 5 anteprime internazionali, 6 anteprime europee e numerose anteprime italiane. Il festival si terrà da giovedì 17 a mercoledì 23 giugno 2021, a Roma, al Cinema Farnese (Piazza Campo De’ Fiori 56).

Asian Film Festival, organizzato da Cineforum Robert Bresson e diretto da Antonio Termenini, presenta una selezione del meglio del cinema dell’Asia orientale, arthouse e di genere, con una grande attenzione per gli esordi e i giovani registi della ricca sezione Newcomers.

Il film di apertura della diciottesima edizione sarà “Wife of a Spy” di Kiyoshi Kurosawa, già vincitore del Leone d’Argento all’ultimo festival di Venezia. Tra gli altri film dal Giappone, ci saranno gli stranianti, divertenti e pieni di contaminazioni “Dancing Mary” di Sabu e “Red Post on Escher Street” di Sion Sono e il più autoriale “Under the Stars” di Tatsushi Ohmori.

Dopo il grande successo della scorsa edizione, sabato 19 giugno si terrà il secondo Korean Day – una giornata interamente dedicata al cinema sudcoreano in cui vengono presentati 4 lungometraggi e un cortometraggio, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Coreano di Roma. Dallo sguardo impertinente e autoriale dell’Hong Sang-soo di “The Woman Who Ran” si passa alla commedia sentimentale amara “Our Joyful Summer Days”  e allo sguardo sulle tradizioni delle pescatrici dell’isola di Jeju in “Everglow”, fino al noir al femminile di “Go Back”, della regista indipendente Seo Eun-young.

In collaborazione con l’Ambasciata del Vietnam in Italia sarà inoltre organizzato un Vietnam Day, che presenterà 4 lungometraggi in anteprima assoluta. Si passa dagli straordinari successi, ancora nelle sale in Vietnam, “Dad I’m Sorry”, commedia generazionale, e “Blood Moon Party”, nuovo inaspettato remake di “Perfetti sconosciuti”, per passare all’affascinante “Rom” e l’horror “Home Sweet Home”. L’iniziativa porta a compimento una fruttuosa collaborazione con il Vietnam, dopo la promozione di cinema italiano a Hanoi e Ho Chi Minh City tenutasi lo scorso anno in collaborazione con l’Ambasciata italiana a Hanoi e il consolato a Ho Chi Minh City.

Dalla Cina, verranno presentati una serie importante di film. Gli spiazzanti e abbacinanti “The Waste Land” e “Sons of Happiness”, firmati da registi esordienti che però dimostrano una grande maturità e uno sguardo forte e riconoscibile, a “Mosaic Portratit”, inteso ritratto di un’adolescente vittima di un abuso.

Altri temi che percorrono in filigrana il festival sono i difficili e complessi rapporti famigliari (il cinese “Grey Fish”, da Singapore “Leaving Home”, il malese “Sometime, Sometime”, “Malu” di Edmund Yeo, il filippino “Tangpuan”), il senso di perdita dovuto a problemi economici (“Repossession”), lo sviluppo sostenibile e i cambiamenti climatici dell’omnibus che attraversa cinque paesi “Mekong 2030”, seguendo il corso del fiume Mekong.

Completano il programma “Genus Pan” del maestro filippino Lav Diaz e l’anteprima europea dell’hongkonghese “Stoma”, film quasi-biografico sul fotografo e regista prematuramente scomparso Julian Lee.

Redazione

CS_Romaeuropa: domani Wim Mertens festeggia i 40 di carriera per l’unica data italiana dell’Inescapable Tour all’Auditorium PDM


SOTTO L’ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Prima Nazionale – Unica data italiana

22 Settembre 2020

Wim Mertens

Inescapable Tour 40th anniversary 1980 – 2020

Auditorium Parco della Musica – Cavea
 ore 21

Biglietti da 15 a 20 euro

Wim Mertens foto di © Usura 

Per festeggiare i quarant’anni della sua carriera musicale l’acclamato compositore e pianista belga Wim Mertens presenta al Romaeuropa Festival domani 22 settembre, in Prima nazionale, per l’unica data italiana l’“Inescapable Tour 40th anniversary 1980 – 2020”un concerto speciale che lo vedrà impegnato nell’esecuzione dei suoi maggiori successi dal 1980 ad oggi, racchiusi nel cofanetto 2019  “Inescapable”, un box a tiratura limitata con 10 tracce inedite e 61 tra le composizioni più significative degli ultimi 40 anni, per un totale di 5 ore di musica: una produzione prolifica che lo ha visto attraversare minimalismo, ambient e avanguardia senza mai rinunciare alla piacevolezza melodica

Accompagnato dalla violinista Liesbeth Baelus il grande pianista eseguirà le sue composizioni più conosciute,  da “Struggle For Pleasure” –  il brano scelto come colonna sonora del film Il ventre dell’architetto di Peter Greenway e come sigla della seria radiofonica italiana Un racconto al giorno, trasmessa da Rai Radio 2 negli Anni Novanta – a “Maximazing the Audience” (1984),  il brano composto per The Power of Theatrical Madness di Jan Fabre e ancora “Close Cover”, “Iris”, “Often a Brid”. L’”Inescapable Tour” sarà anche l’occasione per presentare il suo ultimo album “The Gaze of the West” (2020), testimonianza di un cammino in continua evoluzione e di un rapporto rinnovato e profondo con il pubblico.

Bio

Wim Mertens ha iniziato a creare musica nel 1980 dopo aver lavorato come musicologo e produttore radio. È proprio nell’80 che il musicista belga pubblica il suo primo album, For Amusement Only, una composizione elettronica realizzata utilizzando esclusivamente il suono dei flipper. Seguono At Home-Not at Home (1981), Vergessen (1982), Struggle for Pleasure (1983) e l’album Maximizing the Audience nel 1984. Negli ultimi quarant’anni Mertens ha sviluppato il proprio linguaggio musicale in un vocabolario costruito scrivendo per differenti ensemble strumentali, composizioni vocali e brani per orchestre sinfoniche. Attualmente il musicista vanta oltre settanta pubblicazioni presentate ed eseguite regolarmente in Europa, America, Giappone, Tailandia e Russia e in particolare ad Amsterdam, Anversa, Atene, Bangkok, Barcellona, Berlino, Bilbao, Budapest, Bucharest, Bruxelles, Dublino, Firenze, Genova, Gdansk, Granada, Ganajuato, Amburgo, Huston, Kazan, Kyoto, Los Angeles, Madrid, Milano, Città del Messico, Mosca, New York, Londra, Lisbona, Los Angeles, Parigi, Parma, Porto, Preveza, Ravello, Roma, Rotterdam, San Paolo, San Sebastian, Siviglia, Sofia, San Pietroburgo, Strasburgo, Thessaloniki, Tokyo, Jena e Venezia. Wim Mertens continua ad esibirsi in concerti per solo piano e voce,  in live che lo vedono coinvolto insieme ad ensemble di due, tre o cinque elementi, e con orchestre sinfoniche in Belgio, Germania, Italia, Messico, Spagna e Portogallo.

Il Romaeuropa Festival 2020 è realizzato nell’ambito del programma ROMARAMA promosso da Roma Capitale.

Tutto il programma del Romaeuropa Festival 2020 è consultabile sul sito romaeuropa.net

Redazione

CS_VENDITTI & DE GREGORI: rinviato al 17 LUGLIO 2021 il concerto allo STADIO OLIMPICO di ROMA, un evento unico nel cuore della Capitale.


VENDITTI & DE GREGORI

L’EVENTO È RINVIATO AL 

17 LUGLIO 2021 – STADIO OLIMPICO – ROMA

Un concerto unico nel cuore della Capitale

La data del concerto di ANTONELLO VENDITTI e FRANCESCO DE GREGORI allo STADIO OLIMPICO di ROMA, l’evento unico nel cuore della Capitale, prevista il 5 settembre 2020, a causa dell’emergenza sanitaria e alla luce delle relative disposizioni governative in tema di salute pubblica in merito ad assembramenti di persone, si terrà il 17 LUGLIO 2021.

VENDITTI & DE GREGORI cominciano a collaborare poco più che ventenni durante un viaggio in Ungheria, scrivono le loro prime canzoni insieme, per arrivare al comune esordio discografico con Theorius Campus dove Antonello incide “Roma Capoccia”, subito grandissimo successo, e Francesco “Signora Aquilone”. Un disco che sancì per entrambi l’inizio del proprio percorso artistico…. il resto è storia!

Due personalità differenti, ma affini. Due stature artistiche diverse, ognuna con la sua poetica. Dopo 50 anni VENDITTI & DE GREGORI torneranno insieme protagonisti sul palco dello Stadio Olimpico di Roma, nella loro città, là dove tutto iniziò.

I biglietti già acquistati per lo show del 5 settembre 2020 rimangono validi per lo show di sabato 17 LUGLIO 2021. Tutte le informazioni sui biglietti sono disponibili al seguente link: 

www.friendsandpartners.it/elenco-concerti-spettacoli-annullati-o-rinviati

CS_VENDITTI & DE GREGORI INSIEME ALLO STADIO OLIMPICO DI ROMA: la data definitiva dell’evento verrà comunicata quanto prima poichè al momento la data prevista il 5 settembre 2020 non può essere confermata in ragione dell’emergenza sanitaria in atto.


VENDITTI & DE GREGORI

Venditti - De Gregori Tickets - TicketOne

Insieme allo STADIO OLIMPICO di Roma

per un evento unico nel cuore della Capitale

LA DATA DEFINITIVA DELL’EVENTO VERRÀ COMUNICATA QUANTO PRIMA

POICHÉ AL MOMENTO LA DATA PREVISTA PER IL 5 SETTEMBRE 2020 NON PUO’ ESSERE CONFERMATA

IN RAGIONE DELLA SITUAZIONE DELL’EMERGENZA SANITARIA IN ATTO

E ALLA LUCE DELLE RELATIVE DISPOSIZIONI GOVERNATIVE

La data del concerto di ANTONELLO VENDITTI e FRANCESCO DE GREGORI allo STADIO OLIMPICO di ROMA, l’evento unico nel cuore della Capitale, prevista il 5 settembre 2020 non può essere al momento confermata in ragione della situazione dell’emergenza sanitaria in atto e alla luce delle relative disposizioni governative. La data definitiva verrà comunicata quanto prima e comunque non oltre il 31 luglio 2020.

VENDITTI & DE GREGORI cominciano a collaborare poco più che ventenni durante un viaggio in Ungheria, scrivono le loro prime canzoni insieme, per arrivare al comune esordio discografico con Theorius Campus dove Antonello incide “Roma Capoccia”, subito grandissimo successo, e Francesco “Signora Aquilone”. Un disco che sancì per entrambi l’inizio del proprio percorso artistico…. il resto è storia!

Due personalità differenti, ma affini. Due stature artistiche diverse, ognuna con la sua poetica. Dopo 50 anni VENDITTI & DE GREGORI torneranno insieme protagonisti sul palco dello Stadio Olimpico di Roma, nella loro città, là dove tutto iniziò.

I biglietti già acquistati in prevendita rimangono validi.

Per tutte le informazioni: www.friendsandpartners.it

Redazione

CS_RIKI/RINVIATI A OTTOBRE I 2 LIVE NEI PALASPORT DI MILANO E ROMA


Riki, posticipati a ottobre i concerti di Roma e Milano

Si informa che, data la posticipazione del disco e la partecipazione dell’artista al Festival di Sanremo, le due date di RIKI nei Palasport previste il 22 febbraio a MILANO (Mediolanum Forum) e il 28 febbraio a ROMA (Palazzo dello Sport) sono state rinviate ad ottobre. I biglietti venduti per le date di febbraio restano validi per le nuove date di ottobre.

Queste le nuove date:

sabato 3 ottobre alle ore 21.00 al Palazzo dello Sport di ROMA (NUOVA DATA a recupero del 28 febbraio 2020)

domenica 11 ottobre alle ore 19.00 al Mediolanum Forum di Assago, MILANO (NUOVA DATA a recupero del 22 febbraio 2020)

Per coloro che hanno acquistato i biglietti presso un punto vendita, il rimborso dei biglietti potrà essere eventualmente richiesto rivolgendosi agli stessi punti vendita dove i biglietti sono stati acquistati, entro e non oltre il 14 febbraio 2020.

Per coloro che hanno acquistato i biglietti online sul sito TicketOne o tramite call center con modalità “ritiro nel luogo dell’evento”, il rimborso dei biglietti potrà essere eventualmente richiesto indirizzando una comunicazione email all’indirizzo: ecomm.customerservice@ticketone.it, entro e non oltre il 14 febbraio 2020.

Per coloro che hanno acquistato i biglietti online sul sito TicketOne o tramite call center con modalità ‘spedizione tramite corriere espresso‘, il rimborso dei biglietti potrà essere eventualmente richiesto indirizzando una comunicazione di richiesta con allegati i biglietti, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, entro e non oltre il 14 febbraio 2020 (farà fede la data del timbro postale) all’indirizzo: TicketOne S.p.A. – Via Vittor Pisani 19 – 20124 Milano (C.a. Divisione Commercio Elettronico).

Redazione

CS_ACHILLE LAURO, “30 anni di Roma”: un appuntamento speciale nella sua città che manderà in corto circuito i generi musicali, il 31 ottobre 2020 al Palazzo dello Sport di Roma. Prevendite aperte da lunedì


Locandina_30 anni di Roma b

ACHILLE LAURO

 

Nell’anno del suo 30° compleanno, un nuovo viaggio nel tempo

che manderà in corto circuito i generi musicali

 

30 ANNI DI ROMA

 

Un appuntamento speciale nella sua città

il 31 OTTOBRE 2020 al PALAZZO DELLO SPORT DI ROMA

 

Prevendite da lunedì 9 dicembre su www.ticketone.it

 

ACHILLE LAURO, “30 anni di Roma”: un appuntamento speciale nella sua città, il 31 ottobre 2020 al Palazzo dello Sport di Roma, ancora una volta l’attesa per un concerto rivoluzionario…Baby, one more time!

 

Nell’anno del suo 30° compleanno Achille Lauro si prepara per un nuovo concerto indimenticabile, un viaggio nel tempo che manderà in corto circuito i generi musicali: presente e passato si fondono in un’interpretazione personale che guarda al futuro. 

I biglietti in prevendita saranno disponibili da lunedì 9 dicembre alle ore 11.00 su www.ticketone.it e da lunedì 16 dicembre alle ore 11.00 nei punti vendita abituali.

 

È attualmente in radio il singolo “1990” (Sony Music), scritto da Achille Lauro, prodotto dallo stesso con Boss Doms e Gow Tribe, che parla di un amore ossessivo e possessivo. Il sound è ispirato a La Bouche, mentre la cover rimanda a una foto iconica di Britney Spears, segnando il primo capitolo di una nuova serie di brani che reinterpretano il decennio degli anni ’90.

 

È online il videoclip di “1990”, tra il pop rosa di Britney Spears e il punk fluo di The Prodigy. Il video è la fedele riproduzione degli stereotipi e delle icone degli anni ‘90 tra foto di Michael Jackson e copertine di Playboy. La telecamera è puntata su Lauro che rimbalza tra la stanza piena di poster di una adolescente di fine secolo, ad una sala giochi. Le immagini esaltano la sua anima punk e malinconica ma anche la malizia ammiccante della “donna bambina”.

La direzione artistica del video è curata da Achille Lauro e Nicolò Cerioni, prodotto da Antonio Giampaolo per Maestro Production, con la regia di Fabio Breccia https://youtu.be/JfZYh6rOgmI.

L’ultimo album di Achille Lauro è “1969” (Sony Music Italy). Questa la tracklist del disco, prodotto da Fabrizio Ferraguzzo e Boss Doms: “Rolls Royce” (con cui è stato in gara al Festival di Sanremo 2019); “C’est la vie”; “Cadillac”; “Je t’aime” (feat. Coez); “Zucchero”; “1969”; “Roma” (feat. Simon P); “Sexy Ugly”; “Delinquente”; “Scusa”.

Redazione

CS_GIORDANA ANGI – SABATO 23 MAGGIO 2020 – PALAZZO DELLO SPORT ROMA| Aperte le prevendite –


Giordana

GIORDANA ANGI

SABATO 23 MAGGIO 2020

PALAZZO DELLO SPORT  ROMA

Aperte le prevendite

Continua l’ascesa di Giordana Angi

Una crescita  inarrestabile  per una delle voci più interessanti del panorama della musica italiana.
L’attesa è finita e, a  grande richiesta, si sono aperte le  prevendite dei biglietti per il grande evento live che vedrà Giordana Angi protagonista sabato 23 maggio 2020 al Palazzo dello Sport a Roma, accompagnata dalla sua band e ad alcuni ospiti a sorpresa.
E’ uscito lo scorso 4 ottobre “Voglio essere tua”  il nuovo album di Giordana che si è piazzato subito al 1° posto nella classifica degli album più venduti.
Cantautrice di grande talento, la 25 enne Giordana Angi ha una voce fuori dai canoni e uno stile interpretativo personale ed unico, caratteristiche che Giordana ha dimostrato di possedere anche durante il suo percorso ad Amici. I suoi testi spiccano per autenticità e stile, caratteristiche note e apprezzate da grandi artisti come Tiziano Ferro che ha già collaborato con lei in passato e ha scelto 4 tracce co-firmate da Giordana per il suo nuovo album di inediti appena pubblicato “Accetto Miracoli”, tra i quali la title track e il primo singolo “Buona (Cattiva) sorte”.
Biglietti in vendita su www.ticketone.it
Prezzi biglietti (compreso prevendita):
€ 46.00   Tribuna Centrale primo e secondo anello
€ 35.00   Parterre
€ 29.00   Tribuna Laterale Primo e secondo Anello
€ 25.00   Terzo Anello Centrale
Vip Pack (con possibilità di assistere alle prove e di incontrare l’artista per una foto) :
€ 76.00 per Vip Pack + posto in Tribuna centrale primo o secondo anello.
€ 65.00 per Vip Pack + posto in parterre.
R101 è la radio ufficiale del tour
Redazione 

C.S._ Bollani e Valdès // Piano a Piano alle Terme di Caracalla


Bollani valdes 2

Stefano Bollani e Chucho Valdés

Piano a Piano

Da Cuba a Roma

22 luglio 2019

Terme di Caracalla – Roma

Un’attesissima serata all’insegna dell’improvvisazione per una prima Europea unica

I grandi pianisti e compositori Stefano Bollani e Chucho Valdés si incontreranno per suonare insieme in un nuovo progetto unico e senza precedenti. Il 22 luglio, in un contesto d’eccezione come le Terme di Caracalla a Roma, i due artisti daranno inizio ad un tour che proseguirà poi in tutto il mondo.

Dopo una prima partecipazione di Valdés come ospite al programma televisivo di Bollani “L’importante è avere un piano” su Rai 1, i due hanno poi eseguito il loro primo concerto al Gran Teatro dell’Avana nel giugno del 2018. La chimica generatasi sul palco fu da subito evidente.

Da qui è scoccata la scintilla che ha portato alla volontà di intraprendere un nuovo progetto basato sull’incontro ed il forte legame musicale che li unisce.  L’estro musicale e la fantasia versatile di Bollani  e l’energia afro-cubana e il ritmo latino di Valdés, mescolati insieme sono destinati a creare uno spettacolo musicale di incredibile impatto per il pubblico.

Un “piano a piano” già definito dalla stampa latina un vero esempio di genialità, destrezza e sincerità nell’affrontare la musica senza nessun tipo di limite e distinzione. Un “piano a piano” già definito dalla stampa latina un esempio di genialità, destrezza, un vero e proprio tuffo nella musica senza nessun tipo di limite e distinzione. Come se suonassero insieme da sempre, i due si divertono a giocare con le proprie composizioni e a improvvisare su grandi classici della musica reinventandoli, il tutto con l’obiettivo di offrire al pubblico ogni sera uno spettacolo inedito e di godersi loro stessi il concerto.

Redazione

 

C.S._A sorpresa Laura Pausini e Biagio Antonacci oggi in Piazza di Spagna a Roma.


Alle ore 18.40 di oggi, martedì 14 maggio, l’inarrestabile coppia del pop Laura Pausini e Biagio Antonacci ha incantato Piazza di Spagna a Roma con un evento a sorpresa!

Ancora una volta LAURA e BIAGIO hanno sorpreso tutti, mettendosi in gioco davanti a centinaia di fan e passanti che si sono fermati nella celebre piazza incuriositi ed emozionati.

Lui, travestito da Vincent Van Gogh nel famoso autoritratto del 1889; lei, nei panni della Ragazza con l’Orecchino di Perla di Jan Vermeer. Hanno sceso, quasi irriconoscibili, la scalinata di Piazza di Spagna sulle note del nuovo singolo “IN QUESTA NOSTRA CASA NUOVA” (Sony Music) dando così un assaggio di quella che sarà una delle scenografie dell’imperdibile tour negli Stadi, la cui regia è curata da Luca Tommasini!

Laura e Biagio, infatti, hanno da sempre una passione per la storia dell’arte (Laura Pausini è diplomata alla Scuola d’Arte con una tesi su Van Gogh) e stanno preparando molte sorprese per il loro attesissimo tour.

Mentre le due icone della musica pop si mettevano in posa, portando al volto le cornici, i fan hanno intonato anche il brano “Tra te e il mare”.

Appuntamento quindi ai concerti di “LAURA BIAGIO STADI 2019” (prodotti e organizzato da Friends & Partners): il 26 giugno allo Stadio San Nicola di Bari, il 29 giugno allo Stadio Olimpico di Roma, il 4 e il 5 luglio allo Stadio di San Siro di Milano, l’8 luglio allo Stadio Artemio Franchi di Firenze, il 12 luglio allo Stadio Dall’Ara di Bologna, il 17 luglio allo Stadio Olimpico di Torino, il 20 luglio allo Stadio Euganeo di Padova, il 23 luglio allo Stadio Adriatico di Pescara, il 27 luglio allo Stadio San Filippo di Messina e l’1 agosto alla Fiera di Cagliari.

Redazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: