Sara Tommasi

Maria De Filippi e il suo outing… secondo Valerio Pino


 valerio-vs-maria-2-300x186

Valerio Pino… Ricordate il ballerino quasi timido di Amici di Maria De Filippi che anticipava, esibendosi, le prove di ballo che poi avrebbero eseguito gli allievi della Scuola? Beh, è da un po’ di tempo che fa parlare di sé oltre che per la sua dichiarata omossessualità anche per le sue dichiarazioni sulle “relazioni” che avrebbe avuto con alcuni allievi della Scuola defilippiana, a suo dire,  con uno scopo ben preciso, come ha riferito a Gay.it a cui ha rilasciato un’intervista:

Cercare di normalizzare e combattere quest’omofobia che sembra così strana, che fa paura a tutti. La viviamo quotidianamente con normalità. Almeno così si dovrebbe.

Molto attivo su Twitter, viene spesso associato  “per stile” a Sara Tommasi, ma a questo proposito Valerio Pino ha dichiarato:

Anche io sicuramente ho avuto dei momenti dove emozionalmente non ero al 100% e ho esternato pubblicamente le mie sensazioni. Se sono arrivato a condividere degli stati d’animo un po’ estremi e folli, che fan parte della vita di ognuno di noi, non mi sono mai drogato. Sara ha dei problemini con la droga ed è più difficile perdere il controllo…

Su Ricky Martin con cui si dice abbia avuto una relazione,  ha dichiarato:

Non ho mai voluto parlarne, ho scelto di non approfittare del suo nome. Non l’ho fatto per tantissimi soldi perché non si fa.

Mentre a proposito di Maria De Filippi da lui definita “la signora bionda”, su cui da tempo si vocifera sulle “particolari” tendenze,   sentite che dice:

Perché secondo te l’ho fatto io l’outing della signora bionda? No, l’outing l’ha fatto lei penso anni fa. Nel momento stesso in cui sposi Costanzo, già stai facendo outing. Con quella faccia. Come fai a rendere credibile un matrimonio del genere. Anche perchè chi era la presidentessa del circolo gay-lesbico di La Spezia molti molti anni fa? Così mi dicono. Che la signora bionda, molti molti anni fa, era la presidentezza del Circolo Gay lesbico di La Spezia. 

“ULTIMATUM” DI EMMA AI PIRATI DI “TWITTER”: “LE CALUNNIE SU DI ME POSSONO COSTARVI MOLTO CARO …”


emma-nuovo look-extension-luglio 2013-anteprima-600x556-927800

Eh, sì, l’ha detto, Emma Marrone stavolta non scherza, ritiene che “la misura sia colma” e si proclama risoluta a voler andare fino in fondo, minacciando che ci sarà sicuramente qualcuno che si farà male, molto male tra le file dei frequentatori di questo “social network”.

E’ quanto si apprende dalle pagine del quotidiano “Libero” (14/07/2013), che riferisce di un episodio di “persecuzione” a mezzo “Twitter”, prolungato nel tempo, di cui la cantante è stata oggetto, da parte di una ragazza (ndr ne ometto le generalità) con iniziale del nome A, responsabile di aver esercitato contro di lei una forma di “stalking” continua, indirizzandole gran numero di messaggi (ben 17) in cui ha seguitato ad avanzare esplicite insinuazioni sulla sua dubbia eterosessualità, sostenendo che il suo ultimo fidanzato in ordine di tempo, Marco Bocci, sarebbe “utilizzato solo come copertura” e ancora, più confidenzialmente: “Lo sai che farà (ndr Bocci) la stessa cosa che ha fatto Stefano?se ne accorgerà della tua preferenza per le donne”; la Marrone, dopo aver “incassato” in silenzio alcuni “tweet”, improvvisamente è partita al contrattacco e ha replicato “E tu lo sai che il mio profilo è sotto controllo?…. adesso mi diverto io”.

Certo se di “violazione” si è trattata ai danni di Emma, è stata del sacrosanto diritto individuale alla tutela dei propri orientamenti sessuali, ma al di là di questo, in qualche misura, lei stessa non è immune da critiche, infatti non ha saputo salvaguardare la sua “privacy”, ossia la propria sfera privata, da possibili violazioni e intrusioni esterne, commettendo la leggerezza imperdonabile di farsi “sorprendere” dai paparazzi, che notoriamente la tampinano ovunque e certo non può fingere di ignorarlo, in una località modaiola della costa iberica, per di più in luogo aperto, quindi alla mercè di chiunque, anche, volendo, dello scatto del passante con cellulare, mentre un’amica che si vede spesso al suo fianco le baciava una spalla, un gesto, tuttavia, le cui implicazioni e la cui chiave di lettura possono non essere a senso unico, fatto si è che la risonanza su riviste e “blogs”, inutile dirlo, è stata immediata e naturalmente non poteva mancare chi ci ha “ricamato” sopra, con tanto di interpretazioni volutamente allusive e maliziose, da qui infine il trasferimento su Twitter del succoso pettegolezzo, con tutto il “bailamme” che ne è nato.

Ma ancora una volta, in soccorso della cantante salentina si è mobilitata quella parte di mondo mediatico collegata con le “stanze del potere” che ha sempre avuto per lei l’occhio di riguardo che generalmente si deve ai personaggi, in qualche modo, “cari al regime” e quindi intoccabili ed ecco che a sposarne senza esitazioni la causa si leva la testata giornalistica già citata in apertura, che apre con un titolo addirittura da barzelletta “L’eleganza di Emma Marrone: signora anche con chi la diffama” e via, oltre all’episodio dei “tweet” di cui sopra, a raccontare le malefatte perpetrate a suo danno, sempre in relazione alle sue presunte predisposizioni sessuali, da Sara Tommasi e Valerio Pino (ndr ex-ballerino di “Amici”) da lei sopportate in silenzio, si dice, con buon senso, imperturbabilità, cristiana rassegnazione di fronte alla povertà di spirito altrui e ammirevole superiorità, un “modello di esemplarità”, insomma.

E com’è, invece, che quando due suoi colleghi, Marco Carta e Valerio Scanu sono stati pizzicati dai flash, il primo in costume da bagno, con i pettorali scolpiti, in una ritrovata forma fisica che ha voluto mostrare orgogliosamente ai “fans” e il secondo in un centro commerciale intento semplicemente a fare “shopping” con amico nonche, fra l’altr, componente del suo staff, ma in nessun atteggiamento inequivocabilmente “compromettente” che li coinvolgesse, sui giornali, “blogs”, sul Web, su Twitter, le belve ebbre di sangue li hanno dilaniati, facendoli bersaglio di espressioni immonde, senza che nessuno si scomodasse a spendere una sola parola in loro difesa? “Come si suol dire, c’è chi nasce figlio, figliastro, figlioccio e qualcuna … “figlioccia”.

[Articolo a cura di Fede]