Teatro Brancaccio

C.S._PAOLO CEVOLI: dopo l’esperienza sul palco dell’Ariston, torna in teatro lo spettacolo “LA BIBBIA”. Il 22FEB_all’OBI HALL di FIRENZE e il 25 al TEATRO BRANCACCIO di ROMA


Paolo Cevoli_manifesto La Bibbia_b

 

 PAOLO CEVOLI

DOPO L’ESPERIENZA SUL PALCO DEL FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO

E IL GRANDE SUCCESSO DI OLTRE 130 DATE IN TUTTA ITALIA

 A GRANDE RICHIESTA TORNA IN TEATRO LO SPETTACOLO

“LA BIBBIA”

 RACCONTATA NEL MODO DI PAOLO CEVOLI

“Una rilettura in chiave pop del Libro dei Libri, da tutti conosciuto ma forse non da tutti letto”

 il 22 FEBBRAIO all’“OBI HALL” di FIRENZE

il 25 FEBBRAIO al TEATRO BRANCACCIO di ROMA

 

I biglietti sono disponibili in prevendita

Dopo l’esperienza sanremese, Cevoli riprenderà gli appuntamenti in teatro con il suo spettacolo “LA BIBBIA – RACCONTATA NEL MODO DI PAOLO CEVOLI”, una rilettura in chiave pop del “Libro dei Libri, da tutti conosciuto ma forse non da tutti letto”. A fine mese sono previsti due appuntamenti speciali: il 22 febbraio all’Obi Hall di Firenze e il 25 febbraio al Teatro Brancaccio di Roma (prevendite disponibili sul sito di Ticketone: www.ticketone.it/la-bibbia).

 «La Bibbia sembra raccontare un mondo che si perde nella notte dei tempi – racconta Paolo Cevoli – ma per me non è così. Ho scelto di raccontare le storie della Bibbia perché parlano di me, di ognuno di noi. E forse è possibile immedesimarsi con i grandi personaggi di quelle vicende. Adamo, nell’Eden con Eva, che fa la figura del sempliciotto o del “patacca” come si dice in Romagna. Giobbe, il povero Giobbe, colpito da mille sfighe eppur deriso dalla moglie. Abramo che mi ricorda il mio nonno, il babbo del mio babbo. Un patriarca. Davide, piccolo e furbo, che si inventa un modo di ammazzare il cattivo gigante Golia. Nella Bibbia c’è tanto da scoprire. E anche tanto da ridere. Con l’ironia di Dio che quasi sembra un capocomico!»

 In questo spettacolo, con la regia di Daniele Sala, Paolo Cevoli vuole rileggere le storie contenute nella Bibbia come una grande rappresentazione teatrale dove Dio è il “capocomico” che si vuole far conoscere sul palcoscenico dell’universo;una sorta di “Primo Attore” che convoca come interpreti i grandi personaggi della Bibbia e li racconta attraverso un linguaggio ironico e diretto, accessibile a tutti.

Non solo teatro, ma anche musica…l’intero spettacolo infatti è accompagnato dai brani interpretati dalle cantanti Daniela Galli, Silvia Donati e Cristina Montanari.

A questo link è visibile il video promo dello spettacolo: https://youtu.be/KWmue5wk6Zw.

Queste tutte le altre date in programma dello spettacolo:

21 FEBBRAIO – Montemarciano (AN)

22 FEBBRAIO – Firenze

25 FEBBRAIO – Roma

08 MARZO – Jesolo (VE)

14 MARZO – Milano

09 APRILE – Cassano Magnago (VA)

10 APRILE – Cesano Maderno (MB)

11 APRILE – Cesano Boscone (MI)

I biglietti sono attualmente disponibili in prevendita presso i singoli teatri.

Redazione

Green Clouds al Brancaccio con Hevia


hevia

Il 17 marzo 2015 alle ore 21 al Teatro Brancaccio Hevia presenta il reportorio dell’ultimo album”Obsession”, disponibile anche nella nuova versione acustica in trio. Nel repertorio sono inseriti brani dall’ultimo CD “Obsession” edito dalla EMI spagnola, ma anche inediti e perfino interpretazioni con la cornamusa di brani presi dal repertorio di tango argentino reperiti dai gaiteros asturiani emigrati a Buenos Aires. Con questo progetto prettamente teatrale Hevia rivisita le tradizioni asturiane dove le cornamuse sono presenti da secoli come protagoniste principali nella vita e nella musica quotidiana e in tutte le celebrazioni religiose. Per quest’occasione Hevia (cornamuse “gaitas” e flauti) sarà accompagnato da Jousè Santos al piano acustico e dalla Sorella Maria Josè Hevia alle percussioni tradizionali. Prima del concerto, apriranno la serata le Green Clouds, un gruppo tutto al femminile, con il loro ultimo album “KELTRONIC”. È questa l’etichetta con la quale le Green Clouds amano definire la loro musica, un’onda sinuosa nella quale le sonorità degli strumenti della tradizione classica si fondono con quelle generate dalle tecnologie elettroniche, producendo effetti nuovi e suggestivi. La formazione, pur proponendo motivi a forte connotazione popolare ed etnica, si caratterizza per l’utilizzo, non usuale, di strumenti appartenenti alla musica classica europea, operando una contaminazione tra culture musicali diverse, ricreando con effetti originali atmosfere e suggestioni musicali proprie della tradizione celtica.

Le Green Clouds sono Grania ­ Graziana Giansante(Oboe e Corno Inglese), Roisin ­ Marzia Ricciardi (Violino), Eirwen ­ Cristina Patrizi (Basso Elettrico), Erin ­ Maurizia Reali (Pianoforte e Tastiere), Neala ­ Valentina Lauri (Percussioni e Batteria). Attive dal 2007 sia in Italia che all’estero, hanno fondato il “Keltronic”, genere musicale che le identifica.

Potete conoscerle meglio nel sito ufficiale: http://www.greenclouds.net o nella pagina Fb: http://www.facebook.com/greencloudsgroup

Per prenotare lo spettacolo visita il sito del Teatro Brancaccio:

http://www.teatrobrancaccio.it/programmazione/stagione­teatrale­2014­2015/384­hevia­in-concerto.html