YouTube

VIRGINIO al Palazzo Caetani di Fondi (Latina) per un live acustico sabato 17 ottobre.


VIRGINIO

vi

SABATO 17 OTTOBRE INCONTRO E LIVE ACUSTICO

AL PALAZZO CAETANI DI FONDI (Latina)

Disponibile in digital download e sulle piattaforme streaming

il nuovo brano “HERCULES

Sabato, 17 ottobre, VIRGINIO si esibirà al Palazzo Caetani di Fondi (Latina), sua città natale, in occasione di un incontro, il “RitroViAMOci”, organizzato dal Gruppo Ufficiale “Fondi con Virginio (Piazza Giacomo Matteotti – inizio: ore 20.00 – ingresso libero).

Durante la serata, Virginio presenterà alcuni brani del suo repertorio e, prima del live, verrà proiettato il video del suo nuovo brano “Hercules, attualmente disponibile in digital download e sulle piattaforme streaming.

Il brano, già in rotazione radiofonica e in digital download, è stato prodotto da CORRADO RUSTICI e segna il ritorno di Virginio sulla scena musicale italiana con una nuova veste dal sapore internazionale.

“HERCULES”, scritto con la collaborazione di Andy Marvel (già autore per Jason Derulo, tra gli altri) e Dimitri Ehlrich (che vanta collaborazioni artistiche anche con Moby) è un brano pop dalle sfumature soul che risente delle atmosfere tipiche della musica made in USA.

Il video del brano, diretto da Alessandro Congiu, è visibile su Vevo e su Youtube ai seguenti link:

«Ho scritto “Hercules” a New York a luglio di quest’anno – racconta Virginio – insieme a due autori americani, Andy Marvel e Dimitri Ehlirch, con i quali è nata una grande alchimia. E con la sua mano Corrado Rustici ha saputo poi dare al brano un vestito per me davvero potente. Nel testo racconto della forza e della tenacia che può avere una persona che ama, che si spinge anche nella tana del leone pur di lottare per quello in cui crede al punto di sentirsi più forte anche di Ercole, metafora su cui gioco nel titolo. Cantarlo in inglese è stata una scelta naturale anche perché è la lingua in cui l’abbiamo scritto. E il coro gospel esprime quella parte di me che ha sempre amato il soul».

 

VIRGINIO: da oggi il nuovo brano “HERCULES” disponibile anche su tutte le principali piattaforme streaming!


VIRGINIO

vir

Da oggi disponibile anche in streaming

IL NUOVO BRANO “HERCULES”

con la produzione artistica di Corrado Rustici

http://www.vevo.com/watch/virginio/Hercules/IT2491500003

Da oggi, mercoledì 7 ottobre, “HERCULES”, il nuovo brano di VIRGINIO sarà disponibile anche su tutte le principali piattaforme streaming. Il brano, già in rotazione radiofonica e in digital download, è stato prodotto da CORRADO RUSTICI e segna il ritorno di Virginio sulla scena musicale italiana con una nuova veste dal sapore internazionale.

Spotify: https://open.spotify.com/album/4EPy2SPUSXEL6nSaoAWYM8

iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/hercules-single/id1044217189

“HERCULES”, scritto con la collaborazione di Andy Marvel (già autore per Jason Derulo, tra gli altri) e Dimitri Ehlrich (che vanta collaborazioni artistiche anche con Moby) è un brano pop dalle sfumature soul che risente delle atmosfere tipiche della musica made in USA.

Il brano è accompagnato da un video, diretto da Alessandro Congiu, e visibile su Vevo e su Youtube ai seguenti link:

Link Vevo: http://www.vevo.com/watch/virginio/Hercules/IT2491500003

Link Youtube:

«Ho scritto “Hercules” a New York a luglio di quest’anno – racconta Virginio – insieme a due autori americani, Andy Marvel e Dimitri Ehlirch, con i quali è nata una grande alchimia. E con la sua mano Corrado Rustici ha saputo poi dare al brano un vestito per me davvero potente. Nel testo racconto della forza e della tenacia che può avere una persona che ama, che si spinge anche nella tana del leone pur di lottare per quello in cui crede al punto di sentirsi più forte anche di Ercole, metafora su cui gioco nel titolo. Cantarlo in inglese è stata una scelta naturale anche perché è la lingua in cui l’abbiamo scritto. E il coro gospel esprime quella parte di me che ha sempre amato il soul».

 Milano,  7 ottobre 2015

DEAR JACK: NESSUNO SCIOGLIMENTO PER LA “BAND”, ARRIVANO “RINFORZI” DA “X-FACTOR” …


dearjack Nelle ultime settimane l’atmosfera si era fatta molto pesante attorno ai “Dear Jack”, le polemiche infuriavano eccitate sui canali “social” riservati al gruppo e i sostenitori, i cosiddetti “jackers” si erano spaccati, a favore di una o dell’altra fazione in guerra, la scelta, infatti, era schierarsi con i musicisti “di contorno” oppure abbracciare senza esitazione la causa del “frontman” uscente, Alessio Bernabei, è prevalso, comunque, nelle preferenze, il secondo partito, anche se non sono mancate accuse e persino insulti in rete al cantante.

Certo per i loro circa 300.000 “followers”, la notizia dev’essere stata peggio di una doccia ghiacciata, a giudicare da come hanno reagito, dando libero sfogo ai malumori e a tutta la loro rabbia su Internet. Tanto per placare le insistenti voci di insanabili screzi e contrasti all’ordine del giorno all’interno della “band” come si è ventilato dovuti a spinte troppo “divistiche” e accentuate tendenze egocentriche dell’ ”ex-vocalist”, i “Dear Jack” sono apparsi per l’ultima volta insieme ai microfoni di RTL 102,5 qualche giorno fa e in un clima da “volemose bene”, inscenando una “recita” probabilmente come da “diktat” della casa discografica, si sono salutati “fraternamente” e senza rancore, con l’augurio che tutto volga al meglio, una specie di separazione “consensuale” affrontata pacificamente, senza più “scosse” né sobbalzi.

dearLa, si suppone, gradita novità, per i “fans”, è che non solo il complesso non si scioglierà, ma è attesissima una “new entry”, si tratta del giovanissimo (classe 1997) Leiner Riflessi, già semi-finalista nel 2014 a “X-Factor”, militante nella squadra del “rapper” Fedez; colombiano, cresciuto presso una famiglia adottiva di Vicenza, sul capo una folta cascata di “trucioli” nerissimi e crespi, pelle color cioccolata, sguardo di pece accattivante e “fendente”, a giudicare dai video apparsi su You Tube, relativi principalmente ad alcune prove sostenute nel “talent” di provenienza, va “a mille” nei brani in lingua inglese, due titoli a caso “What goes around comes around” di Justin Timberlake e “The first cut is the deepest” di Cat Stevens, a cui regala anche qualche lieve sfumatura alla Michael Jackson, che forse ha ormai assorbito a tal punto da non riuscire più a cancellare, questa è l’impressione, ha convinto meno, anche gli ammiratori, nell’inedito in italiano “Tutto quello che ci resta”, tutto cantato con una scansione dei versi “a singhiozzo” e ispirandosi più del dovuto al timbro e  allo stile vocale di Marco Mengoni, senza perdere di vista Tiziano Ferro, meglio, decisamente, quando è “se stesso”, che non è poco, visto che, oltre che cantante, è autore, pianista, batterista e pure ballerino, di strada, volendo, ne può fare, le premesse non mancano.

E nel frattempo, aspettando il debutto ufficiale della formazione rinnovata, i Dear Jack scaldano i motori e non privano il “fandom” di comunicati entusiastici “Volevamo presentarvi Leiner Riflessi che da oggi entra nella nostra e vostra famiglia musicale … Siamo felici di cominciare insieme a lui questa avventura”.

Niente più “veleni” e lancio di coltelli, dunque, il nuovo componente del gruppo può davvero mettere tutti d’accordo? Si vedrà, visto che Leiner, per ecletticità musicale, è su un altro pianeta rispetto alle canzonette senza troppe pretese alla “Domani è un altro film”, che la casa discografica intenda intervenire allo scopo di assecondarne le caratteristiche, procedendo a un totale “restyling”, che potrebbe coincidere con un drastico cambiamento di rotta, capace di investire anche il repertorio musicale? E quale nuovo motto dei Dear Jack potrebbe sancire finalmente l’unità della boy band, ormai accantonato il tutt’altro che confacente, alla luce dei recenti sviluppi, “per sempre insieme” , forse il conosciutissimo “Tutti per uno, uno per tutti”  reggerebbe meglio?

by Fede

Michele Bravi da cantante a you tuber per “ritornare” cantante con un Ep in inglese rilasciato il 2 ottobre.


michele bravi

Molto spesso e facilmente si legge di oblio o insuccesso riferiti per lo più a cantanti provenienti dai talent show su cui è inutile dire, grava un pregiudizio di fondo che poggia le basi proprio nel format di provenienza indipendentemente dal loro valore artistico. Colpisce la superficialità nel trattare l’argomento da parte di una certa stampa incurante degli effetti quasi mai positivi che si abbattono sull’artista di turno. E’ ben noto infatti che la mancanza di presenzialismo in tv o in radio non sia da considerare indice di effettivo “insuccesso”, tenuto conto che a questo  spesso  il cantante  viene destinato suo malgrado e seppure professionalmente valido da tutto un sistema inteso a soddisfare le esigenze e gli obiettivi dell’ormai ben noto business discografico che segue le leggi di mercato più spicciole. Di fatto chi “arde” di passione per la musica non si ferma davanti ad ostacoli di sorta e trova il modo per sopravvivere e riproporsi magari rinnovato. Di esempi ce ne sono tanti ma questa volta sottoponiamo all’attenzione Michele Bravi, il vincitore dell’edizione 2013 di X Factor, che dopo un inizio promettente che pareva proiettarlo nell’immediato verso un futuro musicale e artistico di grande successo con l’uscita  nel 2014 di ‘A piccoli passi’ (che vedeva collaborazioni importanti comeTiziano Ferro, Giorgia, Luca Carboni e James Blunt) ha improvvisamente avuto  una battuta d’arresto che ne ha rallentato lo sprint iniziale. Tuttavia il cantante non si è perso d’animo e ha intrapreso una carriera parallela a quella di cantante, diventando uno youtuber ed è grazie ad una serie di video periodicamente postati sulle sue pagine social e in particolare, sul suo canale YouTube  in cui discute della sua musica, ma anche dei suoi amici e colleghi con cui divide eventi e quotidianità, che ad oggi è seguito da circa 150 mila persone. Il 2 di ottobre Bravi ha rilasciato il nuovo album, dal titolo ‘I Hate Music‘ avvalendosi della collaborazione di un piccolo team di produzione guidato da Francesco “Katoo” Catitti. Otto brani co-prodotti e co-scritti dallo stesso cantante: “Io nasco come autore, ma fino ad oggi il pubblico mi ha conosciuto solamente come interprete: grazie al dialogo con il mio pubblico ho capito che dovevo far conoscere la mia musica, così ho iniziato a scrivere i miei pezzi e ho trovato il coraggio di tirarli fuori”, e ancora: “le decisioni si sono prese mano a mano, è stato tutto un continuo work in progress: il cambiamento è molto forte rispetto a quello che ho fatto fino ad oggi, ma grazie a questo percorso di condivisione e di maturazione i miei fan non si sono trovati disorientati”

L’album è anche la prima pubblicazione di Bravi su Universal Music, dopo il distacco dalla Sony Music a suo dire avvenuto serenamente: “Con Sony ci siamo lasciati in maniera serena …il divorzio è avvenuto lo scorso maggio: loro avevano delle idee precise su cosa fare e come farlo, io invece no. Le cose da dire erano finite: loro volevano andare verso una direzione, io volevo intraprendere un altro percorso”. Michele ammette che per un attimo,  ha pure pensato di intraprendere un percorso indipendente e autoprodursi il disco: “In un primo momento ho pensato di fare questo disco con i miei soldi, proprio come fanno gli artisti indipendenti. Poi, però, è arrivata la proposta da parte di Universal, che ha abbracciato completamente il mio progetto: è stato un incontro fortunato“.

L’Ep contiene il brano “The days” (“Questa è una canzone che tenevo nel cassetto da un po’, è la mia voglia di gridare e il coraggio di rimanere in silenzio”, dice Michele a proposito del pezzo) e una cover di “The fault in our stars” (cover del brano originariamente inciso dal cantante e youtuber australiano Troye Sivan, presentato da Bravi come il modello di questo suo cambiamento artistico).

Track list dell’Ep: “The Days”, “Sweet Suicide”, “Sometimes (Just Let Go)”, “The Fault In Our Stars”, “Big Dreams And Bullet Holes”, “Insane”, “Say My Name” e “The Days (Acoustic)”.

Il disco concepito completamente in inglese è di sicuro  “respiro” internazionale  e fa pensare sia destinato anche ad una mirata conquista del mercato discografico oltre i confini nazionali.

SARA LORENI: la performer passa la selezione ma lascia X FACTOR: “…mi sono resa conto che certi meccanismi non mi rappresentavano: per me la musica non è una competizione, è la mia vita…


sara

Milano, 2 ottobre 2015 – Dopo aver passato le audizioni, essere entrata nei Bootcamp, aver convinto la giuria ed essersi guadagnata l’accesso agli Home Visit, Sara Loreni abbandona X Factor.
Elio si toglie la parrucca: “Non mi posso togliere il cappello, mi tolgo la parrucca per te”. Fedez si mette le mani nei capelli. Mika la abbraccia “Sei la più elegante di questa competizione, hai già vinto”. “Tanto ce la farà lo stesso,” continua Elio. Una decisione che potrebbe cambiare la sua vita.
La giovane songwriter emiliana non sembra aver dubbi: lascerà il suo posto ad un altro concorrente.
X Factor è un sogno per migliaia di artisti ma, una volta arrivata alla meta, Sara ha sentito di non appartenere a quel mondo. “È stata una reazione istintiva, in quel momento mi sono resa conto che certi meccanismi non mi rappresentavano: per me la musica non è una competizione, è la mia vita. Esibirmi su quel palco affrontando quei professionisti e quel pubblico è stato davvero emozionante, ma non è la mia dimensione e certe cose le capisci solo se le vivi. Amo scrivere canzoni e fare concerti, sono felice di poter riprendere il mio percorso dove lo avevo lasciato, in ottobre inizierà il tour promozionale di Mentha, il mio nuovo disco.”
Sara se ne va, lascia il suo posto a Marco e torna a lavorare alla promozione del suo disco, anticipato dal singolo Dovresti alzare il volume (disponibile qui:https://www.youtube.com/watch?v=KERyqeaGIxo).

by Ponyo

HERCULES il nuovo brano di Virginio da oggi in rotazione radiofonica. – Video


vi

Da oggi HERCULES  il nuovo brano di Virginio  che il giovane cantautore ha scritto e prodotto negli Stati Uniti è che sarà in rotazione radiofonica e in digital download. Il brano è stato prodotto da CORRADO RUSTICI e segna il ritorno di Virginio sulla scena musicale italiana con una nuova veste dal sapore internazionale.

“HERCULES”, scritto con la collaborazione di Andy Marvel (già autore per Jason Derulo, tra gli altri) e Dimitri Ehlrich (che vanta collaborazioni artistiche anche con Moby) è un brano pop dalle sfumature soul che risente delle atmosfere tipiche della musica made in USA.

 «Ho scritto “Hercules” a New York a luglio di quest’anno – racconta Virginio – insieme a due autori americani, Andy Marvel e Dimitri Ehlirch, con i quali è nata una grande alchimia. E con la sua mano Corrado Rustici ha saputo poi dare al brano un vestito per me davvero potente. Nel testo racconto della forza e della tenacia che può avere una persona che ama, che si spinge anche nella tana del leone pur di lottare per quello in cui crede al punto di sentirsi più forte anche di Ercole, metafora su cui gioco nel titolo. Cantarlo in inglese è stata una scelta naturale anche perché è la lingua in cui l’abbiamo scritto. E il coro gospel esprime quella parte di me che ha sempre amato il soul».

by Ponyo

E’ online su YouTube il nuovo video di “Pensiero” dei Pooh!


PO

I Pooh sono nati il 28 gennaio del 1966 e nel 2016  festeggeranno e contemporaneamente chiuderanno 50anni di gloriosa carriera con i due concerti già programmati a San Siro il 10 giugno e all’Olimpico il 15 giugno 2016. Sul palco assieme a Roby Facchinetti, Red Canzian e Dodi Battaglia per l’occasione si uniranno anche gli storici del gruppo, Riccardo Fogli e Stefano D’Orazio, per tre ore di concerto. «Sarà la nostra ultima notte insieme ma sarà anche un traguardo straordinario», ha sottolineato Roby Facchinetti spiegando che «pochissimi lo hanno raggiunto e quindi questo ci dice che è il momento di scendere dal palco definitivamente»

E’ online su YouTube il nuovo video di “Pensiero” dei Pooh!
Il brano è disponibile anche su iTunes ➜ bit.ly/PensieroPooh50
Buona visione!

TEODASIA’s ‘Ghosts’ : The song is the first with new frontman Giacomo Flythers (Giacomo Voli )


giacomo voli

“Ghosts”, the brand new video from Italian masters of symphonic metal TEODASIA, can be seen below. The song is the first with new frontmanGiacomo Voli (nationally famous for being the first metalhead getting to the finals on the TV show The Voice) and anticipates a new album due by the beginning of 2016.

The Venice-based band was formed in 2006 as a female-fronted symphonic rock/metal band and was first noticed in Europe thanks to a successful tour with former Nightwish Tarja Turunen and have released, so far, a full lenght “Upwards”; (2012), its follow-up “Reflections” (2013) and multiple singles among which one, “The lost words of forgiveness” featuring Fabio Lione (Rhapsody of Fire, Vision Divine, Angra and Hollow Haze).

The video for GHOSTS was shot by Italian director Francesco Collinelli and features the actors Alberto Baraghini and Mery Landeta.

“The main idea behind the video is that of avoiding all the cliches of the genre: no fantasy, no dragons, no castles” – states Collinelli – “we wanted to give an urban vibe to it and we got to the core even further. It all revolves around the dream of a ghost: raw, dirty, where the female character is both positive and negative but always vanishing. The band is also displayed in a pretty minimalistic, simple fashion.”

Speaking of fashion, TEODASIA’s look was partially endorsed by italian rock fashion brand Bad Spirit (Metallica, Lacuna Coil).

The single GHOSTS was mastered in Helsinki at FinnVox Studios and will be available shortly through all main digital portals.

THE KOLORS – IL VIDEO DI “WHY DON’T YOU LOVE ME?”: “TUTTE PAZZE PER AMORE” DI STASH … MA SU FACEBOOK C’E’ CHI HA DA RIDIRE.


The-Kolors-Why-Dont-You-Love-Me-coverart

E’ stato lo stesso Stash Fiordispino, “leader” del gruppo a scrivere una dedica al suo pubblico su Facebook in relazione all’uscita del video ufficiale, il 18 settembre, che accompagna il lancio del singolo “Why don’t you love me?” avvenuto il 14 settembre:

Questo video è il vostro video. E’ frutto di notti spese davanti a dei monitor cercando di descrivere al meglio il nostro messaggio per voi. Voi che siete la mia vera benzina”.

Le reazioni, ovviamente, da parte dello sterminato esercito di “fans”, sono state nella stragrande maggioranza dei casi, consultando le pagine ufficiali della “band”, entusiastiche, con i e le (soprattutto) “stashers” che si libravano già “al di là delle nuvole” appena pochi istanti dopo aver visionato il filmato, con tanto di esclamazioni estatiche “Stratosferico!”, “Capolavoro!”, “Perfezione!” e simili, così si leggeva scorrendo i vari commenti, delle perplessità, semmai, sono state sollevate da alcuni frequentatori del profilo condiviso dei “Kolors”, forse meno “ispirati” e alla ricerca del classico “neo”, fra i rilievi più comuni, in primo luogo lo spazio ristretto riservato agli altri membri della “band”, Daniele e Alex, che figurerebbero alla stregua di “comparse” sullo sfondo, senza intermezzi in cui il trio suona assieme e poi l’inserimento nel video dell’attuale ragazza di Stash in qualità di attrice, dopo che il “frontman” aveva più volte dichiarato apertamente di voler tutelare la sua vita privata e di desiderare che le sue vicende personali non finissero in alcun modo nell’occhio del “gossip”, presa di posizione apprezzabile e allora come mai questa improvvisa inversione di marcia? Che si possa rivelare un passo falso? La “clip” è girata bene, meglio dove prevale il bianco e nero rispetto al colore, non a tinte vive, l’immagine di Stash, sia nei primi piani, con qualche posa in cui c’è un vago riflesso di David Bowie, che a figura intera, vi regna incontestabilmente e d’altra parte, vista l’indiscussa prestanza fisica, la sua intesa con la telecamera non può che essere totale, mentre la storia rappresentata “regge” meno; lo si vede alle prese con un’affascinante “milf” (ndr acronimo che sta per “mother I’d like to f*ck”) bionda (l’attrice olandese Barbara Snellenburg, apparsa spesso in “Casa Vianello”), forse un omaggio alle numerose seguaci “over” che conta il gruppo, la signora sulle prime sembra intenzionata a spupazzarselo, infatti lo spoglia (solo della giacca) e gli rivolge attenzioni tutt’altro che “materne”, poi lo scenario cambia e irrompe l’irritatissima fidanzata che gli sfugge, correndo trafelata, con impressa sul volto l’espressione terrorizzata di una che deveseminare un potenziale violentatore o “stalker” e non il tipo con cui sta, poi c’è la riconciliazione, con tanto di bacio “alla francese” (sissignore!) e il ritorno a casa della ragazza, mai ve l’aspettereste, accolta sulla porta dalla bella quarantenne inizialmente vogliosa e stra-attizzata, che dovrebbe impersonare sua madre, Stash, che è con loro, scambia due convenevoli con lei in buon inglese (pronuncia pressochè impeccabile) e se ne va ed è tutto. Qualcuno si chiederà se la trama illustra e traduce visivamente il testo della canzone, alla lontana, forse, perché il brano parla genericamente di disaccordi di coppia, di una “lei” che soffre, non è dato saperne la ragione e di un “lui” che ripete all’infinito “why don’t you love me?” e “why don’t you want me?” e la invita a ripensare al passato, di certo intromissioni di genitrici “supersexy” non ce ne sono.

Chissà l’effetto del video sulle migliaia di “fans” adolescenti che hanno eletto Stash a “fidanzato di tutte” e “idolo” collettivo, si sa, con delle ragazzine in preda a “infatuazione” (passeggera) bisogna andarci molto cauti, infatti se rivelare pubblicamente di avere già un legame può essere interpretato come un atto di onestà e trasparenza, farsi addirittura riprendere con la propria compagna di vita potrebbe risultare deludente per più di qualche “teen ager” – fra loro c’è anche chi, su You Tube, ha scritto, drammaticamente, che è stato come ricevere una “pugnalata” -, visto che “sapere” è un conto e “vedere” un altro. Il colmo è che, in passato, perché non si alienasse le simpatie delle ammiratrici, la casa discografica era arrivata al punto di costringere, un cantante ventenne che spopolava – e che poi è diventato uno dei nostri artisti di primo piano più completi, tuttora richiestissimo – a mantenere il più stretto riserbo persino sulla sua paternità di una figlia che ha poi riconosciuto da adulta durante una trasmissione televisiva.

Un consiglio ai Kolors per il futuro?(in certi casi) ”Stateve (cchiù) accuorti” …

by Fede 

Da oggi è online il video del singolo di IMMANUEL CASTO “Da grande sarai fr**io” sul tema del coming out adolescenziale, in vendita l’EP con 4 remix del singolo


IMMANUEL CASTO

L’icona del mondo LGBT in Italia, il Re del Porn Groove

            cas

Il 25 settembre esce il nuovo disco di inediti THE PINK ALBUM

DA OGGI È ONLINE IL VIDEO DEL NUOVO SINGOLO

DA GRANDE SARAI FR***O

Uno slogan sociale sul tema del coming out adolescenzial.

È in vendita negli store digitali l’ep che contiene

4 REMIX del brano firmati da:

LO STATO SOCIALE, GEM BOY, UNISONDETUNE e KEEN

Da oggi, venerdì 18 settembre, si potrà ascoltare l’atteso singolo di IMMANUEL CASTO “DA GRANDE SARAI FR**IO”, non solo nella versione che sarà inclusa nel disco “THE PINK ALBUM” in uscita il 25 settembre, ma anche nelle versioni remixate da LO STATO SOCIALE, GEM BOY, UNISONDETUNE e KEEN! L’EP “Da grande sarai fr**io”, contenente i 4 remix, è disponibile negli store digitali.Questo nuovo singolo, nato da un’idea di Fabio Canino, vuole essere uno slogan sociale sul tema del coming out adolescenziale, come racconta il videoclip in cui Immanuel Casto racchiude ironia e schiettezza in sei travestimenti, online al seguente link:https://www.youtube.com/watch?v=LZqb_VqhXzo

“Da grande sarai fr**io – EP”: https://itunes.apple.com/us/album/da-grande-sarai-fr**io-ep/id1040572314?l=it&ls=1

IMMANUEL CASTO firmerà le copie del disco giovedì 24 settembre a Milano c/o SKH (STUDIO KNOW HOW) Via Antonio da Recanate 7 (davanti alla Stazione Centrale – ore 18.00), sabato 26 settembre a Roma alla Ludoteca TORA STORE (Via dei Galla e Sidama, 57 – ore 16.30) e domenica 27 settembre a Bologna alla Galleria Ono (Via Santa Margherita, 10).

immanuel

THE PINK ALBUM(Freak&Chic /Artist First) è il quarto album di inediti di IMMANUEL CASTO, icona del mondo LGBT italiano e re del genere Porn Groove, che arriva a distanza di due anni dall’ultimo disco e dopo le collaborazioni con Romina Falconi nei singoli “Eyeliner” e “Sognando Cracovia” che hanno portato i due artisti insieme sul palco per il “Sognando Cracovia Tour”. Il primo singolo estratto è stato “Deepthroat Revolution” che ha superato 100.000 visualizzazioni https://youtu.be/d9QeJBoR_gM.

Da ottobre il Casto Divo intraprenderà un tour esplosivo nei migliori club d’Italia! Sono aperte le prevendite per le seguenti date del #THEPINKTOUR: il 25 ottobre all’Off di Modena, il 6 novembre al Blackout di Roma, il 21 novembre al Duel Beat di Napoli, il 27 novembre al Cap 10100 di Torino, il 2 dicembre all’Alcatraz di Milano e il 12 dicembre a Il Deposito di Pordenone.

Continua intanto il successo di Squillo®, il gioco di carte pungente dedicato alla prostituzione e ideato dallo stesso Immanuel Casto. Dopo l’uscita della “Trilogia del piacere” (“Deluxe Edition”, “Bordello d’Oriente” e “Marchettari Sprovveduti”) il quarto episodio della saga è atteso al prossimo Lucca Comics&Games!

Ad ottobre uscirà invece il libro “Tutti su di me” (Tsunami Edizioni), biografia di Immanuel Casto a cura di Max Ribaric.

by Ponyo