Rai3

CS_#RAI3 26 MAR 2020, 21:20 Chi l’ha visto? Torna il programma di Federica Sciarelli, questa settimana eccezionalmente di giovedì


(none)

È finito l’isolamento precauzionale per Federica Sciarelli e altri 7 colleghi della redazione e torna “Chi l’ha visto?”. Questa settimana andrà in onda eccezionalmente giovedì 26 marzo, su Rai3 alle 21.20, per poi tornare dalla prossima puntata nella sua consueta collocazione del mercoledì. Il programma si occuperà di emergenze e scomparse, sempre più preoccupanti perché chi si è allontanato è oggi ancora più in pericolo.

Redazione

#RAI3 13_MAR_2020, 21:20 “Speciale Chi l’ha visto?” sul Coronavirus Venerdì in prima serata


(none)

Domani, venerdì 13 marzo, alle 21.20 su Rai3, in diretta dagli studi di via Teulada “Speciale Chi l’ha visto?” sul Coronavirus. In studio con Federica Sciarelli gli esperti per rispondere a tutte le domande dei telespettatori sulla salute, sulle modalità del contagio ma anche su quello che si può e non si può fare e sui comportamenti più efficaci per combattere il virus. 

Redazione

CS_#RAI3 09_MAR_2020, 21:15 Grace di Monaco Nicole Kidman nel ruolo della celebre star


(none)

Lunedì 9 marzo alle 21.15 Rai3 trasmette il film di Olivier Dahan “Grace di Monaco”, con Nicole Kidman e Tim Roth. Nel 1956 la celebre star del cinema Grace Kelly abbandona una promettente e brillante carriera a Hollywood per sposare il principe Ranieri di Monaco. Sei anni dopo la celebrazione del matrimonio del secolo, la principessa si dibatte nel tentativo di conciliare il desiderio di tornare ad apparire sul grande schermo grazie a un ruolo offertole da Alfred Hitchcock e il suo ruolo di madre di due bambini, regnante su un principato europeo.

Redazione

CS_RAI3 05_MAR_2020, 21:20 In Arte Ornella Vanoni – Uno speciale condotto da Pino Strabioli


(none)

Giovedì 5 marzo alle 21.20 andrà in onda su Rai3 uno speciale su Ornella Vanoni condotto da Pino Strabioli. Torna in prima serata “In Arte”: il programma dedicato alle protagoniste indiscusse della storia musicale, artistica e culturale del nostro Paese. Una serata speciale per raccontare un’artista che ha saputo sfidare e reinventare i canoni dell’interprete femminile del suo tempo: Ornella Vanoni. Il programma poggia su diversi filoni narrativi e supporti video. Innanzitutto l’intervista tra la protagonista e Pino Strabioli. La celebre artista si confida, racconta la sua infanzia, la famiglia, gli amori, i dolori, le sue fonti di ispirazione, il senso vero delle sue scelte artistiche. E poi i grandi momenti che hanno scandito le sua incredibile carriera. Un’intervista intensa a una grande star italiana, attraverso la quale si ripercorre anche un pezzo di storia del nostro Paese. Il secondo filone narrativo e visivo poggia sul ricchissimo repertorio Rai, fatto di interviste, canzoni, videoclip. Terzo, le interviste ai colleghi che accompagnano il racconto della straordinaria vita artistica della cantante e attrice, da Arisa a  Riccardo Cocciante, da Paolo Fresu a Gino Paoli, da Mario Lavezzi, a Dacia Maraini e Nina Zilli.

Redazione

CS_RAI 327 FEB 2020, 21:20 Mia Martini, fammi sentire bella Un ritratto originale a 25 anni dalla sua scomparsa


(none)

Appuntamento giovedì 27 febbraio, in prima serata su Rai3 alle 21.20  con il docufilm “Mia Martini, fammi sentire bella”, a 25 anni dalla scomparsa della grande artista. Interviste esclusive, l’ultimo video di un suo concerto live e un brano inedito dal titolo “Fammi sentire bella”.
Sarà Sonia Bergamasco a guidare lo spettatore attraverso un racconto a più voci narrato da coloro che con Mimì hanno realmente condiviso la vita e i momenti della sua carriera: dagli esordi all’abbandono delle scene, dal ritorno a Sanremo fino alla sua morte; dai ricordi della famiglia, con le sorelle Loredana, Leda e Olivia, e i nipoti Luca e Manuela, alle testimonianze di colleghi e amici, come Caterina Caselli e Dori Ghezzi, e dei grandi autori che per lei hanno scritto canzoni senza tempo.
Un ritratto originale che, anche grazie a un intenso lavoro di ricerca, attraverso filmati esclusivi e interviste mai pubblicate, restituisce una Mia Martini inedita: non solo l’artista fragile dipinta dalle cronache musicali di quegli anni, ma la donna capace di regalare “quella risata che arrivava sempre, anche quando era ferita a morte”, un’interprete che non ha mai perso lo smalto e la qualità anche nei momenti più bui. Fammi sentire bella è una fotografia del suo spirito libero, difficile da collocare in una qualsiasi delle categorie di genere della musica italiana, e per questo così grande e attuale. Raccontarla è anche descrivere un pezzo importante del nostro passato prossimo, facendo arrivare anche ai giovani, che hanno scoperto su YouTube e i social la sua immensa capacità espressiva e l’importanza di vivere e fare propria ogni canzone, rendendola immortale.
Nel docufilm il racconto si snoda tra la viva voce di Mimì – in un’intervista con Lino Capolicchio e in un lungo intervento registrato per la radio e mai andato interamente in onda – e le immagini delle sue esibizioni.
E ancora: l’esperienza con la Durium rievocata da Dori Ghezzi; la trasformazione in Mia Martini e il primo successo con “Padre davvero” che le valse la vittoria al Festival di Musica d’Avanguardia e Nuove Tendenze di Viareggio; i ricordi di Franco Califano e Bruno Lauzi custoditi in preziose immagini di repertorio; la necessità di Mia di “sentire” ogni parola delle sue canzoni, tanto da tenere in un cassetto per ben 17 anni un capolavoro come “Almeno tu nell’universo” che segnò il suo ritorno a Sanremo nell’89 dopo anni di isolamento.
Mimì rivive nella pellicola del concerto a Portofino del settembre 1994, ultimo live registrato in video e completamente inedito, che raccoglie, oltre ai suoi successi più amati, interpretazioni di brani come “Emozioni”, “La vie en rose”, “Ne me quitte pas”. Ma anche in una sorprendente versione di “Imagine” tratta dallo Stratos Festival del 1990, nella ripresa di una giovanissima Mia intenta a suonare la chitarra sul mare della sua Bagnara Calabra, o mentre canta “Agapimu”, il brano di cui scrisse il testo in greco. Rivive nei fotogrammi che la ritraggono al fianco di Charles Aznavour, in quelli in cui è eccezionalmente accompagnata ai cori anche da Fabrizio De André insieme a un giovanissimo Cristiano, e negli oggetti tuttora custoditi dalla famiglia e dagli amici, come il suo pianoforte e il suo cappello preferito.
“Mia Martini, fammi sentire bella” è un docufilm Indigostories prodotto da Alessandro Lostia, con Sonia Bergamasco, scritto da Giorgio Verdelli in collaborazione con Michaela Berlini. Organizzatore generale Ramona Di Marco, produttore esecutivo Silvia Fiorani. La regia è di Giorgio Verdelli, che torna a Rai3 dopo il successo del suo lungometraggio “Pino Daniele – Il tempo resterà”, premiato con il Nastro d’Argento.

Redazione

CS_#RAI3 12_FEB_2020, 21:20 Chi l’ha visto? Ospiti i genitori di Marco Vannini


(none)

Marina e Valerio, i genitori di Marco Vannini, saranno in studio ospiti di “Chi l’ha visto?” domani, mercoledì 12 febbraio, alle 21.20 su Rai3, per ringraziare tutte le persone che sono state loro accanto dopo la sentenza di Cassazione che ha rinviato a un processo d’appello bis la valutazione delle responsabilità di Antonio Ciontoli e dei suoi familiari.
“Volevo fermare Alessandro, il ragazzo che dava fastidio a mio figlio. Gli volevo dare una lezione”, dice Riccardo Menenti in un’intervista rilasciata al programma condotto da Federica Sciarelli. Menenti, condannato all’ergastolo per l’omicidio del giovane Alessandro Polizzi, è stato scarcerato per decorrenza dei termini il 20 gennaio scorso. La magistratura è poi intervenuta disponendo per lui l’obbligo di dimora, in attesa del terzo grado di giudizio.
Come sempre, nel corso della puntata, emergenze e dirette su casi di scomparsa. Per assistere al programma in diretta dallo studio: telefono 06.8262  o posta elettronica 8262@rai.it. 
Per contatti: facebook: http://www.facebook.com/chilhavisto/
twitter @chilhavistorai3  sito: http://www.chilhavisto.rai.it  
WhatsApp 345 313 1987     

CS_#RAI3 25_GEN_2020, 21:30 “Remember” Film sulla vendetta con insoliti protagonisti


(none)

Sabato 25 gennaio alle 21.30 Rai3 trasmette il film di Atom Egoyan “Remember” con Christopher Plummer, Martin Landau e Bruno Ganz. Remember è la storia ai giorni nostri di Zev, (il premio Oscar Christopher Plummer), che scopre che la guardia nazista che assassinò la sua famiglia circa 70 anni fa vive attualmente in America sotto falso nome. Malgrado le evidenti sfide che la scelta comporta, Zev decide di portare a termine una missione per rendere una giustizia troppo a lungo rimandata ai suoi cari, portandola a compimento con la sua stessa mano ormai tremolante. La sua decisione dà l’avvio a uno straordinario viaggio intercontinentale con conseguenze sorprendenti.

Redazione

#RAI3 04 DIC 2019, 21:20 “Chi l’ha visto”? Ospiti il papà e la mamma di Luca Sacchi, il ragazzo ucciso a Roma


(none)
È il giorno di Anastasia: dopo tante bugie, cosa dirà al pm? In studio, mercoledì 4 dicembre alle 21.20 su Rai3, a “Chi l’ha visto?” il papà e la mamma di Luca Sacchi, il ragazzo ucciso a Roma. La trasmissione condotta da Federica Sciarelli, raccoglie anche lo sfogo dei genitori di Martina Rossi, la ragazza che per sfuggire a un tentativo di stupro precipita dal terrazzo dell’albergo :“La prescrizione non può riguardare un omicidio. La facessero per i reati fiscali, non per mia figlia.”
Redazione

#Rai3: Speciale Amore Criminale Storia di Camilla


(none)

In occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” domenica 24 novembre, alle 21.25, Rai3 presenta uno Speciale di Amore Criminale, condotto da Veronica Pivetti e dedicato al ricordo di Camilla, uccisa dal suo ex compagno a 35 anni, vicino Bologna.

Camilla nasce ad Acquaviva delle Fonti (in provincia di Bari) ma si trasferisce a Bologna per amore di un ragazzo. Nel 2007 Camilla chiude quella relazione e per lavoro conosce un appuntato dei carabinieri. I due s’innamorano, vanno a vivere insieme in una villetta e nel 2008 mettono al mondo una bambina.

Il rapporto della coppia s’incrina a causa del comportamento di Claudio che umilia Camilla in continuazione. La donna, stanca della situazione, vuole lasciarlo, così si rivolge a un avvocato per chiedere l’affidamento della bambina.

È il 2 aprile 2011, tra le 6:00 e le 7:00 di mattina, quando Camilla viene uccisa dal compagno con numerosi colpi di forbice e martello. L’uomo, subito dopo l’omicidio, prende la figlia piccola e la porta dai suoi genitori. Poi va a costituirsi dalla Polizia di Faenza. Claudio è stato condannato con rito abbreviato, in via definitiva, a 16 anni di carcere.

CS_”Disonora il padre” Doppio appuntamento per raccontare una rivoluzione tutta femminile


(none)

Doppio appuntamento con il programma “Disonora il padre”, venerdì 22 e lunedì 25 novembre alle 23.15 su Rai3. Continua il racconto inedito di una rivoluzione tutta femminile. Nello speciale, che si articolerà in due puntate,  si esploreranno gli equilibri più intimi della mafia calabrese che ancora oggi si nutre di vecchi codici e riti arcaici. Nel viaggio on the road tra storie, interviste e numerosi documenti inediti di una nuova generazione di ‘Ndrangheta si racconterà come vivono le donne in queste famiglie: picchiate, rinchiuse, minacciate o uccise dai propri padri per non essere state fedeli ai loro mariti. La spinta verso l’emancipazione parte dai social networks: chattano e si innamorano, trovando la forza di rivolgersi alla giustizia per uscire dalla spirale criminale.
Le donne che hanno alzato il capo stanno mettendo a rischio la solidità della ‘Ndrangheta, il cui perno sono proprio i legami di sangue che ruotano intorno al ruolo delle “femmine”, in quanto custodi di una cultura criminale in cui l’onore dei padri vale più delle loro stesse vite, siano esse madri, mogli o figlie.
Le storie di queste donne che “disonorano” i padri scegliendo lo Stato al posto della mafia sono un grido di dolore, ma ancor più di speranza in questo mese di novembre in cui ricorre il decennale della morte di Lea Garofalo e la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Redazione