Televisione

CS_In prima visione assoluta su Canale 5 la seconda stagione di “New Amsterdam”


 

Prende il via, da martedì 14 gennaio, in prima serata, su Canale 5, la prima visione assoluta della II stagione di “New Amsterdam”, medical drama targato NBC con protagonista il tormentato medico-paziente Max Goodwin, interpretato dal fascinoso Ryan Eggold.
Le storie di “New Amsterdam” sono ispirate a vicende reali e sono tratte dai racconti del Bellevue Hospital di New York, il più antico ospedale pubblico d’America, ed al volume Twelve Patients: Life and Death at Bellevue Hospital, scritto dall’ex direttore sanitario Eric Manheimer, coinvolto nella realizzazione della serie come autore e produttore.
“New Amsterdam” rinnova la sua peculiarità quale serie di denuncia, dove i medici tentano, con gli scarsi mezzi messi a loro disposizione dalla Obama Care, di cambiare il sistema ospedaliero americano. Medici, paramedici, personale amministrativo, nessuno bada ad un tornaconto personale, alla carriera: la loro missione è fornire il miglior aiuto possibile ai cittadini di New York.
La critica internazionale ha elogiato la stagione di debutto, definendo l’approccio del protagonista «audace e anticonformista». Ed i casi rappresentati, sottolineano il forte sentimento di rabbia dei pazienti e dei loro familiari nei confronti dei ‘poteri forti’.
Nel cast, oltre ad Eggold, Janet Montgomery (Black Mirror) e Freema Agyeman (Sense8).
INCIPIT
Dopo il drammatico incidente che ha concluso la prima stagione, il direttore medico del New Amsterdam Max Goodwin torna a dirigere l’ospedale pubblico della Big Apple. Il direttore sanitario deve fare i conti anche con i propri problemi di salute: tutti, infatti, si chiedono quanto potrà ancora reggere l’ingombrante carico. «Come posso aiutare?», non è solo l’approccio al paziente di Goodwin. È la sua ragione di vita. Aiutare il prossimo, per il medico che tutti vorremmo trovare in ospedale, è ciò che gli dà e gli darà sempre la speranza e la forza necessaria ad affrontare le situazioni più disperate.

CS_#RAI1 03_GEN_2020, 21:20: “La Porta dei Sogni” Ospiti “Il Volo, Lino Banfi e i ballerini di “Ballando…”


(none)

Ultimo appuntamento con “La Porta dei Sogni”, il programma di Rai1 con Mara Venier,  in onda venerdì 3 gennaio, alle 21.20. Al centro della terza puntata del format, prodotto da Rai1 in collaborazione con Banijay Italia, che celebra i sogni di persone comuni ci saranno nuovi e stupefacenti sogni tra cui: l’abbraccio tra una madre e un figlio separati da migliaia di chilometri di distanza da oltre dieci anni, il coronamento del sogno di danzare con i ballerini più famosi d’Italia; il regalo di una proposta di matrimonio romantica e inaspettata.
Emozioni forti e vere si sveleranno dietro “La Porta dei Sogni”, l’elemento iconico ed identificativo del programma che permetterà ai protagonisti di passare magicamente dallo studio a qualsiasi luogo lontano nello spazio e nel tempo, per vivere esperienze uniche e realizzare i propri sogni. Ospiti dell’ultima puntata Il Volo, Lino Banfi ed i ballerini di “Ballando con le stelle”. Regia: Roberto Croce. Regia esterne: Giacomo Frignani.

CS_#RAI1 22_DIC_2019, 14:00 “Domenica In” Tra gli ospiti Gigi D’Alessio, Nino D’Angelo, Ficarra e Picone e il regista Ferzan Ozpetek


(none)
La 15° puntata di “Domenica In”, in onda domenica 22 dicembre dagli Studi ‘Fabrizio Frizzi’ di Roma e condotta da Mara Venier, si aprirà con un’ampia intervista a Gigi D’alessio e Nino D’ Angelo, protagonisti del tour “Figli di un Re minore”, che sta riscuotendo un grande successo nei teatri e palazzetti di tutta Italia.
Gigi D’alessio e Nino D’angelo si esibiranno in studio cantando alcuni loro grandi successi accompagnati dall’orchestra di “Domenica In” diretta dal maestro Stefano Magnanensi.
Spazio alla comicità con il duo Ficarra e Picone, che interverranno per promuovere il loro ultimo film dal titolo “Il primo Natale”, uscito in questi giorni nei cinema e già in testa nelle classifiche dei film con il maggiore incasso.
Massimo Ceccherini, regista e attore toscano, sarà protagonista di una intervista con Mara Venier, nel corso della quale si racconterà tra vita privata e professionale, per poi presentare il film “Pinocchio”, per la regia di Matteo Garrone, nel quale interpreta il ruolo della volpe. Bruno Vespa e il figlio Federico saranno i protagonisti di una ampia intervista nella quale, oltre a presentare i loro rispettivi libri “Perché l’Italia diventò fascista” (di Bruno Vespa) e “L’anima del maiale” (di Federico Vespa), parleranno del loro rapporto tra padre e figlio. Il regista Ferzan Ozpetek, premiato con 2 David di Donatello e 5 Nastri d’Argento, sarà intervistato da Mara Venier sul suo ultimo film “La dea fortuna”, che vede nel cast Stefano Accorsi ed Edoardo Leo.
La puntata di “Domenica In” di domenica 22 dicembre chiuderà intorno alle 17:00, per dare la linea ad uno speciale TG1 in attesa della partita di Supercoppa da Riad Juventus-Lazio.

CS_A “Verissimo” tra gli ospiti Alessandra Amoroso, Wanda Nara, Pupo e Federica Panicucci


Sabato 21 dicembre, alle ore 16.00, appuntamento dall’aria natalizia con Verissimo.

In esclusiva, saranno ospiti i due nuovi super opinionisti del prossimo “Gf Vip 4”: Wanda Nara e Pupo.
Per la prima volta a Verissimo anche Rita Rusic, tra i concorrenti della nuova edizione del reality condotto da Alfonso Signorini.

Per la loro prima intervista di coppia in tv, saranno in studio Federica Panicucci e il compagno Marco Bacini.

E ancora, ospite Alessandra Amoroso, protagonista il 23 dicembre su Italia1 dell’’Amoroso Day’ che celebra i suoi 10 anni di carriera.

Infine, l’umanità e simpatia irresistibile di Paolo Ruffini e il racconto doloroso di Aida Yespica.

Verissimo è anche sul web con un sito ricco di contenuti inediti, video e curiosità: www.verissimo.it

Redazione

CS_#RAI1 16_DIC_2019, 21:25 “Ognuno è perfetto” Tre prime serate da lunedì 16 dicembre


(none)

“Lui per amore attraversa paesi e frontiere, coinvolge amici e genitori, pronto a viaggiare su ogni mezzo e disposto a finire anche in prigione. Lui sa che la strada per ritrovare il suo grande amore e conquistare la sua libertà è ancora molto lunga, ma sa che il suo cuore e il suo coraggio sono grandi e che con loro si arriva ovunque. Ma Rick non si arrende mai perché quando vuole qualcosa lui se la va a prendere…”

Rick è un ragazzo di 24 anni con la Sindrome di Down disposto a tutto per rincorrere i suoi sogni e inseguire ciò che ama.
Arriva su Rai1, da lunedì 16 dicembre in prima serata, la serie “Ognuno è Perfetto”, una commedia tenera ed emozionante che racconta l’incredibile avventura di un gruppo di ragazzi in un viaggio unico e indimenticabile, che li vedrà attraversare frontiere e sfidare pregiudizi. Una storia che commuove e fa sorridere grazie ad un cast di attori raffinati e amati dal pubblico (tra cui Edoardo Leo, Cristiana Capotondi, Nicole Grimaudo, Lele Vannoli, Piera degli Esposti), accompagnati da un irresistibile gruppo di esordienti (Gabriele Di Bello, Alice De Carlo, Aldo Arturo Pavesi, Matteo Dall’Armi e Valentina Venturin). Ragazze e ragazzi con la Sindrome di Down che con smaliziato candore danno vita a personaggi forti e autentici, di cui sarà difficile non innamorarsi.
La fuga dei ragazzi, braccati da due adulti che litigano mentre cercano di riportarli a casa, darà vita a una rocambolesca serie di avventure sospese tra dramma e commedia, ma sempre intrise di realismo.
Il viaggio sarà per tutti un’occasione di crescita personale, che a volte però avviene anche in modi imprevedibili. Perché è vero che i ragazzi con la Sindrome di Down hanno bisogno dell’aiuto degli adulti, ma questa serie – sei episodi per tre prime serate – racconta che è vero anche il contrario: se si impara davvero a conoscerli, questi ragazzi hanno molto da insegnare a tutti noi.
“Ognuno è Perfetto” ci porta in modo inedito nel mondo della disabilità e di chi si trova a viverla tra mille ostacoli, avendo nel cuore i desideri di tutti. Ci racconta con ironia la possibilità di uno sguardo dove la diversità vista con occhi nuovi diventa forza.
La serie è una coproduzione Rai Fiction-Viola Film, in collaborazione con il CPTV RAI di Torino, prodotta da Alessandro Passadore. La sceneggiatura porta la firma di Fabio Bonifacci, la regia è di Giacomo Campiotti, che si è trovato davanti all’inedita sfida di dirigere un gruppo di talentuosi ragazzi disabili.

Redazione

CS_Su Canale 5 la finalissima di “Tu si que vales”


Gran Finale per la sesta fortunatissima edizione di “Tu si que Vales” (programma campione di ascolti della stagione tv) che chiude i battenti di stagione con la nona puntata in onda sabato 14 dicembre in prima serata su Canale 5.

Sono 16 i finalisti (se ne conoscono solo 4) che si contendono il premio in palio del valore di 100 mila Euro in gettoni d’oro. A decretare il vincitore è il pubblico sovrano che attraverso tre modalità di voto sceglie il proprio preferito attraverso SMS  al numero 477.000.4; attraverso  l’App Mediaset Play o attraverso  il sito ufficiale http://www.wittytv.it
Oltre al premio per il grande talento immancabile il premio da consegnare ad uno dei tre finalisti della amatissima Scuderia Scotti (viaggio a Dubai).
Terzo riconoscimento è quello messo a disposizione dal brand Tim del valore di 30 mila Euro in gettoni d’oro assegnato dai giudici dello show: Maria De Filippi, Gerry Scotti, Teo Mammucari, Rudy Zerbi con Sabrina Ferilli.

In diretta dal Teatro 8 degli Studi Televisivi Titanus Elios sono Belen Rodriguez, Martin Castrogiovanni e Alessio Sakara a condurre la gara.

Produce Fascino P.g.t. per Mediaset.  Regia di Paolo Carcano e Andrea Vicario.

L’appuntamento con “Tu si que Vales” è per l’autunno 2020.

Redazione

CS_#RAI1 12 DIC 2019, 21:25 Io ricordo Piazza Fontana In onda in prima serata giovedì 12 dicembre


(none)
Cinquant’anni di dolore, di ricerca della verità, di depistaggi, di processi senza colpevoli. Cinquant’anni dalla bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di piazza Fontana a Milano: 17 morti e 88 feriti, il 12 dicembre 1969. Una storia che Rai Fiction e Aurora tv fanno rivivere nella docu-fiction di Francesco Miccichè “Io ricordo Piazza Fontana”, in onda giovedì 12 dicembre – giorno dell’anniversario – in prima serata su Rai1.
Un racconto che segue il filo della memoria di Francesca Dendena – interpretata da Giovanna Mezzogiorno – figlia allora diciassettenne di Pietro, una delle vittime della strage: “Quel giorno – ricorda – era stato a Crema, a un funerale, era in ritardo e si era seduto per ultimo al tavolo ovale sotto il quale era nascosta la valigetta con la bomba”. È lei, che è stata anche presidente dell’Associazione dei Familiari delle Vittime di Piazza Fontana e che è scomparsa nel 2010, a ripercorrere le tappe giudiziarie, e non solo, della storia che prende vita nelle immagini della docu-fiction: il giorno dei funerali, la prima pista investigativa – quella anarchica – i processi spostati a Catanzaro e a Bari, i viaggi, le speranze, gli appelli. Fino all’ultimo dolore e all’ultima beffa: la sentenza definitiva della Corte di Cassazione nel 2005 che attribuisce la strage al gruppo eversivo neofascista di Ordine Nuovo, ma dichiara non punibili i responsabili, Freda e Ventura, in quanto già definitivamente assolti anni prima. E le parti civili devono pagare le spese processuali.
Attraverso le immagini di repertorio, i ricordi di Francesca e le interviste ai protagonisti – tra passato e presente – rivivono anche i legami umani che da cinquant’anni uniscono in modo indissolubile i familiari delle vittime, la loro solidarietà, la diffidenza verso le istituzioni, la ricerca – ostinata – della verità. Tra loro, Carlo Arnoldi, Pietro Chiesa, Matteo Dendena, Paolo Dendena, Paolo Silva.
E ci sono le testimonianze di quanti hanno incrociato la storia della strage di piazza Fontana come il magistrato Guido Salvini che ha caparbiamente continuato a cercare la verità, riaprendo l’inchiesta; l’avvocato Federico Sinicato, uno dei legali di parte civile; il Prefetto Achille Serra, allora vicecommissario che intervenne per primo dopo la strage; e Martino Siciliano, esponente di Ordine Nuovo legato a Freda e Ventura. E ancora, Bruno Vespa, Giampiero Mughini, lo storico Aldo Giannuli, e Fortunato Zinni, impiegato della Banca sopravvissuto allo scoppio della bomba.

 Redazione

#RAI2 11 DIC 2019, 21:20 Salemme il bello…della diretta! Dall’Auditorium Rai di Napoli 3 appuntamenti live con il teatro di Vincenzo Salemme


(none)
Sarà “Di mamma ce n’è una sola” la prima delle tre commedie con cui Vincenzo Salemme inaugurerà su Rai2, l’11 dicembre in prima serata, una speciale stagione teatrale per la tv: “Salemme il bello… della diretta!”. Sarà un’occasione inedita per vedere in scena l’arte di uno dei più importanti esponenti del teatro italiano, degno erede della grande tradizione “scarpettiana”. Una diretta televisiva che offrirà ai telespettatori (assieme al pubblico in sala) la possibilità di sedersi in prima fila e di godersi il “reality del teatro”: la magia dell’interpretazione dal vivo sul piccolo schermo.
Di mamma ce n’è una sola” è una commedia scritta, diretta e interpretata da Vincenzo Salemme, con Maurizio Casagrande. L’opera  che quest’anno festeggia i suoi 20 anni, è uno spettacolo sulle finzioni e sui paradossi, dove si mescolano dialetti diversi, dal napoletano arcaico a quello dell’entroterra campano, dalla parlesia (linguaggio codice dei musicisti napoletani) a vocaboli di fantasia. Nel cast insieme a Salemme, anche Ombretta Ciccarelli, Teresa Del Vecchio, Gino Monteleone, Andrea Di Maria, Mirea Flavia Stellato, Sergio D’Auria, Vincenzo Borrino, Franco Cortese, Massimo Andrei, Luana Pantaleo.  Scene e costumi di Francesca Romana Scudiero, musiche di Antonio Boccia.
Gli altri due appuntamenti saranno: il 18 dicembre con “Sogni e bisogni” e il 25 dicembre con “Una festa esagerata”.
Sogni e bisogni”, rappresentata per la prima volta nel 1995 ed è una vera commedia dell’arte, una favola che parte da un presupposto surreale: il distacco di un… attributo dal corpo del proprio “padrone”. Nel cast Andrea Di Maria, Massimo Andrei, Teresa Del Vecchio, Antonio Guerriero, Sergio D’Auria, Adele Pandolfi, Biancamaria Lelli, Luana Pantaleo.
Una festa esagerata”, datata 2016, racconta in chiave realistica e divertente il lato oscuro e grottesco dell’animo umano con l’obiettivo non solo di strappare risate, ma anche di invitare le persone al dialogo e al rispetto reciproco. Una commedia che nel 2018 è diventata anche un film. Nel cast Antonio Guerriero, Antonella Cioli, Giovanni Ribò, Vincenzo Borrino, Teresa Del Vecchio, Sergio D’Auria, Mirea Flavia Stellato, Massimo Andrei.
Redazione

CS_#RAI1 09 DIC 2019, 21:25 I Medici. Nel nome della famiglia |La Santa Sede


(none)
Dopo il successo delle prime due serate, lunedì 9 dicembre va in onda su Rai1 alle 21.25 la terza puntata de “I Medici”.
Nel primo episodio dal titolo La Santa Sede, Sisto IV è morto. Lorenzo e Clarice si recano a Roma per tentare di influenzare l’elezione del nuovo Papa, ma devono confrontarsi con le trame di Riario che mira a far eleggere suo cugino Raffaele, grazie a complotti interni alla Curia. I Medici troveranno un’inaspettata alleata in Caterina Sforza, moglie di Riario, ma la vittoria finale verrà raggiunta non senza sacrifici. Il nuovo Papa Cybo, eletto grazie al denaro e all’influenza dei Medici, infatti, si rivela difficile da controllare e la parte avuta da Lorenzo nella sua elezione provoca la rabbia di Savonarola, che difende l’idea di una Chiesa guidata da Dio e non dalla politica.
Nel secondo episodio intitolato Un uomo senza importanza, mentre Lorenzo comincia a mostrare i primi sintomi di una grave malattia che lo ucciderà, i suoi nemici politici decidono di attaccarlo mettendo in dubbio la solidità della Banca Medici, che in effetti si regge grazie al denaro sottratto in passato alle finanze cittadine. Per coprire la perdita ed evitare la rovina, Lorenzo rischia di entrare in conflitto con la città di Sarzana, da cui proviene il suo consigliere Bernardi (di cui si scoprirà un fosco passato). Nel frattempo, Tommaso Peruzzi, un tempo ardente sostenitore di Lorenzo, scopre le magagne della banca Medici.  Deciso a coprire uno scandalo che potrebbe portare all’esilio dei Medici, Bernardi cerca di convincere Lorenzo ad eliminare Tommaso.
Redazione

CS_”ACCA” è la canzone vincitrice della 62esima edizione dello ZECCHINO D’ORO!


“ACCA”

È IL BRANO VINCITORE DELLA 62ESIMA EDIZIONE

DEL FESTIVAL DI CANZONI PER BAMBINI PIÙ AMATO D’ITALIA!

DSC00479

Una prima serata su Ra1 per la finale del 62° Zecchino d’Oro, che ha visto 2.482.000 spettatori scegliere la musica per bambini e che ha decretato “Acca”, brano di Flavio Careddu, Irene Menna e Alessandro Visintainer interpretato da Rita Longordo – 8 anni, Bussana di Sanremo (IM) – vincere questa edizione.

Dopo una battaglia all’ultima nota, condotta da Antonella Clerici e Carlo Conti, l’ambito premio musicale è stato conferito da una giuria eccezionale: accanto a 20 bambini dai 8 ai 12 anni, hanno ascoltato e votato le canzoni in gara Laura Chiatti, Luciana Littizzetto, Claudia Gerini, Stefano De Martino, Ficarra e Picone e Giovanni Allevi.

Tanti gli ospiti che si sono susseguiti sul palco, dai Les French Twins, gemelli illusionisti, ad Alberto Urso, tenore che ha duettato con il Coro dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni, e Benji & Fede, giovani molto amati dal pubblico che hanno letteralmente incendiato l’Unipol Arena.

Un ospite speciale anche per quanto riguarda la solidarietà, che da sempre accompagna lo Zecchino d’Oro: Gaetano Curreri, che ha donato ad Antoniano il brano “Più amore” per sostenere “Operazione Pane”, campagna attiva fino al 14 dicembre 2019 al fine di sostenere 15 mense francescane che ogni anno mettono in tavola oltre 400mila e aiutano persone e famiglie che vivono in condizioni di grave disagio sociale avviando per loro percorsi di inserimento sociale, sanitario e lavorativo. “Più Amore”, presente nella compilation del 62° Zecchino d’Oro, vede unirsi alle voci di Gaetano Curreri e del Coro dell’Antoniano quelle di Mario Biondi e Amara.

In chiusura di trasmissione, con gli sms inviati al 45588, è stata raggiunta la quota di 120.000 pasti donati.

Redazione