Giorno: giugno 26, 2014

Festival show partenza col botto a Padova


PADOVA – Partenza con il botto per il Festival Show sabato a Padova: in ventimila sono accorsi in Prato della Valle per godersi uno spettacolo d’eccezione. Il  live estivo, promosso da Radio Birikina e Radio Bella Monella,  è presentato quest’anno dalla conduttrice e showgirl spagnola Laura Barriales, in tandem con Paolo Baruzzo, organizzatore dell’evento. Lo show itinerante si snoderà in dieci appuntamenti fra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Sul palco artisti molto noti e molto amati: Renzo Rubino, Red Canzian, I Nomadi, Aba, Simona Molinari e Arisa. – A intrattenere il pubblico anche la bellezza delle miss del concorso “Miss Kaos” e i balletti della “Summer Crew”, sotto la guida del coreografo Etienne Jean-Marie.

Alle 23.30, disturbato da una leggera pioggia, il Festivalshow si è concluso con l’esibizione dell’artista più attesa: Arisa. In un inedito look biondo, la cantante lucana ha cantato i brani «L’amore è un’altra cosa», «Meraviglioso amore mio», «Controvento» (brani vincitore dell’ultimo Sanremo) e «La cosa più importante».

 

Il nuovo disco di Rudy Rotta


Blob Agency

presenta

The Beatles vs The Rolling Stones: il tributo di Rudy Rotta alle due leggendarie band.

Il celebre bluesman italiano, che ha condiviso il palco e collaborato con mostri sacri del genere come B.B King, John Mayall, Robben Ford, Brian Auger ed Etta James, rivisita e confronta, con il suo inconfondibile stile, alcune tra le pietre miliari delle due leggendarie band; il disco sarà presentato ufficialmente a Soiano del Lago, in provincia di Brescia, il 24 luglio.

The Beatles vs The Rolling Stones” di Rudy Rotta in streaming

Video Rudy Rotta con B.b.King- John Mayall- Int. Assante –

The Beatles vs The Rolling Stones”

A cinquant’anni dal primo disco degli Stones e dallo sbarco in America di entrambe le band, Rudy Rotta realizza “The Beatles vs The Rolling Stones”, un prezioso album che raccoglie e mette a confronto la musica, la storia e la rivalità vera o presunta fra le due iconiche band che più hanno smosso e rivoluzionato la noiosa tranquillità musicale che le aveva precedute. Un’idea che nasce come atto d’amore e (devozione) verso questi “giganti” della musica rock, dei quali Rudy Rotta interpreta alcune delle canzoni più belle, sviluppando con originalità il tema di due di esse in un unico brano, il tutto arrangiato e riproposto con personale lettura e sensibilità. Un messaggio non solo stimolante ma anche di sfida a quanti ancora oggi concepiscono e delineano la loro carriera nella veste di puri replicanti, senza saper dare alla loro musica quel tocco di personalità e originalità che dovrebbe essere insito in ogni artista.

RUDY ROTTA – BIO

Nato a Villadossola, in Piemonte nel 1950, Rudy Rotta si trasferisce con la famiglia a Lucerna, in Svizzera; qui all’età di 14 anni comincia a suonare la chitarra. A quarant’anni compie una scelta di vita e di cuore, certamente meno di “interesse”: vende l’azienda e si dedica interamente alla musica, quella che piace a lui. Si esibisce quasi esclusivamente all’estero, scalando man mano l’olimpo mondiale del blues ed instaurando una serie di collaborazioni con mostri sacri del calibro di B.B. King, John Mayall, Etta James, Brian Auger, Taj Mahal, solo per fare alcuni nomi. Vanta ben cinque partecipazioni al Montreux Jazz Festival, due delle quali come ospite di B.B. King, la partecipazione alla crociera “Mississippi Boat celebrating B.B. King”;quella nel 1997 al Kansas City Blues Festival con Al Green, Taj Mahal, Brian Seltzer in cui viene incoronato “Europe’s Top Act”, ovvero massimo referente del blues europeo; la presenza al Premio Tenco con Lowell Fulson e la consegna di ben due Fender Stratocaster “Rudy Rotta Signature”, rispettivamente nel 1994 e nel 2002. Dopo gli album “Some Of My Favorite Songs” del 2004 e “Winds Of Louisiana” del 2006 con il fior fiore dei musicisti americani, la partecipazione nel 2013 a Roxy Bar con Red Ronnie e dopo avere ospitato sul palco nell’Ottobre 2013 il grande Larry Carlton “Mr. 335”, Rudy Rotta fa ora ritorno con “The Beatles vs The Rolling Stones”, il suo personale tributo alle due mitiche band britanniche.