Giorno: giugno 14, 2014

“Vocalebrico” dedica ultima puntata a Mia Martini


mia

Ci piace ricordare Mia Martini e per questo segnaliamo l’ultima puntata di Vocalebrico radioshow in onda lunedì 16 giugno alle ore 22 su http://www.europhoneradio.it(replica sabato 21 giugno alle ore 17) che le dedica la puntata.

Il programma ideato e condotto da Federico Vacalebre, giornalista de “Il mattino” che ha anche scritto la prefazione del libro “Mia Martini – La regina senza trono” a cura di Pippo Augliera, edito da Zona, nell’ultima puntata, ripercorre la varie tappe della vita personale e artistica di una delle più grandi interpreti, passando per i classici di repertorio all’incontro con Pino Daniele e al suo approdo a Napoli dopo un periodo di oscuramento dovuto al ben noto pregiudizio nato da  invidie e strategie che animano ancora oggi il mondo musicale e che ridussero una delle migliori interpreti della musica italiana di tutti i tempi a cantare nelle feste di piazza di paese. Con “Cu’mme” di Enzo Gragnaniello ritrovò il successo portando la canzone napoletana in hit parade.

 

 

Alessandra Amoroso: “rinuncerei a cantare per amore”.


La vincitrice del talent online tutto al femminile, organizzato e supportato da Sony e Motivi è Viviana Colombo fra le 8 finaliste a contendersi la vittoria nella serata finale di Motivi Loves Music. Madrina dell’evento Alessandra Amoroso prodotto da talent ben costruito e di successo per eccellenza.

Riportiamo una sua  intervista rilasciata a Vanity Fair in cui sostiene che per “amore” rinuncerebbe a cantare… leggete sotto:

Un bel salto rispetto agli inizi, capelli corti e look da dura erano la sua divisa di ordinanza. Sbaglio, ho ha rivoluzionato il suo look rispetto agli esordi?
«Diciamo che più che altro è stata una trasformazione graduale, va detto che ero anche molto piccola, avevo 21 anni, sono cambiata, fuori, dentro resto e resterò un maschiaccio. Per me è stata una sorpresa scoprirmi a cercare in vestitini e tacchi una sorta di travestimento».

Tornerà anche al tuo taglio cortissimo?
«Certo! Non li sopporto più, è stata solo una prova, giuro».

Se le chiedessero di cambiare il suo look per esigenze di “copione”, accetterebbe?
«Assolutamente no».

Neanche se a chiederlo fossero i fan?
«In quel caso sì, ma so che non lo farebbero mai, c’è un rapporto di fiducia tra noi».

Il rapporto con loro è quasi viscerale, non si limitano ad ammirarla, nutrono per lei un affetto smisurato. Come ci è riuscita?
«Non saprei, comportandomi da persona normale? Ho avuto tanta fortuna nella vita, ho avuto l’opportunità di fare un lavoro che amo, ma se sono qui dopo sei anni è anche merito loro».

Il suo successo nasce da un talent, ha dei consigli a dare alle ragazze che hanno partecipato a Motivi loves Music?
«Essere determinate e credere nei propri sogni, ma mantenere un piede nella realtà, quello è importantissimo. In questo mondo ci sono tante cose che possono sfuggirti dalle mani, la famiglia e gli affetti se tu non li lasci andare saranno sempre lì».

Qual è il suo piede nella realtà?
«La mia casa, le cose da stirare, il mio cane, i miei genitori».

Vuole dire che stira lei, che fa tutti i lavori di casa da sola?
«Certo, sono una brava salentina. Quando ero più piccola e vedevo gli artisti in tv fantasticavo sulla loro vita, mi chiedevo come facessero a conciliare gli impegni con la vita domestica. Magari tanti non lo fanno, io sì. Non c’è niente da fare, sono come mia madre».

A cosa non rinuncerebbe mai in nome del lavoro?
«Non mi allontanerei mai dalla mia famiglia più di quello che già faccio. Io sono una terrona proprio di quelle doc, che volete? (Ride ndr.) Se potessi portarmi tutti con me forse riuscirei anche ad allontanarmi, altrimenti no. O comunque dovrei ponderare molto bene la cosa. Piuttosto rinuncerei a cantare per amore».

L’amore per un’altra persona sarebbe più forte di quello per il canto?
«Assolutamente, io sono così, in amore do tutta me stessa. Poi magari prendo una fregatura terribile, ma non importa, bisogna sbagliare per imparare, rialzarsi  e trovare la strada giusta».

Sabato 14 giugno gli Incomodo dal vivo all’Arci “Il Granaio” di Parabita (LE)


unnamed

Imperdibile serata in compagnia degli Incomodo quella di sabato 14 giugno presso l’Arci “Il Granaio” di Parabita (LE). In occasione della cena sociale “Musica e cultura”, la band leccese capitanata da Federico Calò presenterà i brani dell’album “Un po’ di silenzio”, il primo ufficialmente pubblicato dalla band. Dieci tracce che invitano a ridurre il rumore presente nella società alla ricerca dell’essenza. Un lavoro che ha da subito raccolto il favore della critica che lo ha definito “un disco che brilla per giovinezza, freschezza e capacità espressiva, un disco che si concentra su di un punto preciso per passare all’argomentazione sperimentale, lasciando dietro di sè solo attimi di lucidità.” (Indiepercui). Entrati a far parte della Indie Music Like italiana con il loro singolo “Sensi di colpa”, gli Incomodo sono una novità che brilla per originali tà e capacità di scrittura. I testi mai scontati di Calò si mischiano infatti perfettamente con il sound anni ’90 che nasce assieme a Mirko Alfieri (batteria), Roberto Civino (Chitarra) e Ivan Pagano (Basso). Ingresso gratuito dalle ore 20:30, Arci “Il Granaio” presso il Museo del Vino di Via Scorrana (Parabita, LE)